Domenica 01 Dicembre 2013

Lavoro e progresso economico

I riconoscimenti bergamaschi

Alla Fiera a Bergamo la cerimonia di premiazione della 53a edizione del Riconoscimento del lavoro e del progresso economico della Camera di Commercio

Si è svolta nella mattinata di domenica 1° dicembre in Fiera a Bergamo la cerimonia di premiazione della 53a edizione del Riconoscimento del lavoro e del progresso economico con cui la Camera di Commercio riconosce e premia i meriti dei lavoratori bergamaschi.

Una cerimonia ricca di emozioni per celebrare i lavoratori e le imprese bergamasche, a cui ha partecipato una platea di oltre cinquecento persone, tra le quali spiccavano alcuni tra i nomi più importanti della nostra economia.

Alla presenza della Giunta Camerale, composta dal Presidente Paolo Malvestiti, dal Vice Presidente Matteo Zanetti, Angelo Carrara, Giancarlo Colombi, Patrizio Fattorini e Luigi Trigona e del Segretario Generale Emanuele Prati, sono stati assegnati 85 riconoscimenti a lavoratori e imprenditori suddivisi in cinque categorie – lavoratrici e lavoratori dipendenti o autonomi (10 premi), dirigenti d’azienda (1 premio), imprese industriali/commerciali/agricole/artigiane (10 premi), coltivatori diretti (5 premi) e lavoratrici e lavoratori dipendenti – Anzianità e Fedeltà (59 premi) – e 3 riconoscimenti a personalità benemerite: Silvio Albini, Giovan Battista Cagninelli e Giacinto Giambellini.

Ad aprire la mattinata di festa ci ha pensato l’Ensemble del Bergamo Musica Festival «Gaetano Donizetti», rappresentato dalla splendida voce del soprano Lorena Avanzini e da Giambattista Grasselli al flauto, Cesare Zanetti al violino, Nicola Sangaletti alla viola e Giovanni Pietro Fanchini al contrabbasso, che si sono esibiti nell’Inno alla Gioia di Ludwig Van Beethoven, nell’Inno d’Italia di Michele Novaro e in «Non ti scordar di me» di Decurtis.

La cerimonia è entrata quindi nel vivo con la proiezione di un primo contributo video: un filmato introduttivo che ha raccolto la testimonianza del Presidente della Camera di Commercio. Malvestiti ha delineato una panoramica della situazione economica attuale, evidenziandone senza timore le criticità, ma ponendo l’accento sugli interventi che l’Ente camerale sta ponendo in atto per supportare le imprese bergamasche, l’occupazione giovanile e la valorizzazione del territorio anche in vista dell’importante appuntamento di Expo 2015.

Al termine del filmato la parola è passata a Patrizio Fattorini, Presidente della Commissione di valutazione del premio, che ha colto l’occasione per ribadire la centralità delle persone che vengono premiate: i giovani che scommettono sul futuro e i meno giovani, che quel futuro l’hanno costruito e lo difendono per le nuove generazioni; persone che, con impegno, capacità e passione hanno tenuto e continuano a tenere alto il prestigio del nostro territorio negli ambiti in cui operano. Fattorini ha concluso augurandosi che tutti i soggetti istituzionali, economici e sociali, siano capaci di mettere al centro delle loro politiche il tema della crescita e dello sviluppo territoriale, per ridare fiducia al Paese in un quadro di generale accordo sulle scelte strategiche di medio-lungo periodo.

E da qui si è dato il via alle premiazioni vere e proprie. Ciascuna categoria è stata introdotta da un filmato realizzato da Roger Fratter per Teamitalia con spaccati di vita di alcuni dei premiati. E’ stato così fornito un ritratto dei veri protagonisti di questo riconoscimento, che hanno condiviso con il pubblico il loro percorso professionale, il loro modo di vivere il lavoro, i valori che li guidano nella vita di tutti i giorni.

Un avvicendarsi che ha animato l’intera mattinata e ha creato un’atmosfera ancora più piacevole e famigliare. La cerimonia ha visto anche l’assegnazione di un riconoscimento particolare a tre benemeriti che, con la loro attività, hanno contribuito e contribuiscono tuttora allo sviluppo e all’arricchimento del tessuto economico e sociale bergamasco. La commissione composta da Angelo Carrara, Stefano Paleari, Emanuele Prati e Matteo Zanetti ha reso tributo a Silvio Albini, che ha portato l’eccellenza del tessile orobico nel mondo con un processo di internazionalizzazione che raggiunto oltre 80 Paesi; a Giovan Battista Cagninelli, che ha conquistato i massimi vertici della finanza internazionale diventando Vice Presidente dell’American Express; e infine a Giacinto Giambellini, lungimirante e innovativo imprenditore convito che il vero successo non sia produrre profitto, ma «utile».

© riproduzione riservata