Trasporto pubblico locale, rinnovato il contratto nazionale dopo oltre 4 anni

L’accordo A Bergamo il rinnovo interessa almeno 900 lavoratori.

Trasporto pubblico locale, rinnovato il contratto nazionale dopo oltre 4 anni

Sono circa 900 i lavoratori bergamaschi interessati alla ipotesi di rinnovo del Ccnl Autoferrotranvieri-Internavigatori, per un aumento economico di 110 euro. La maggior parte di questi lavora per Atb, Teb e Arriva (ex Sab).

L’ Accordo Nazionale prevede una decorrenza dal 1 gennaio 2021 al 31 dicembre 2023. Il contenuto economico dell’accordo prevede 500 € di una tantum suddivise in due tranche: 250 euro a luglio 2022 e 250 euro a novembre 2022; 90 € di aumenti retributivi così erogati con tre pagamenti a luglio 2022, giugno e settembre 2023; viene istituita l’indennità ferie, con 8 € per ogni giornata di ferie; per il fondo Tpl Salute, 144 annue € a decorrere dal 1gennaio 2023. Per la parte normativa si è regolamentato l’istituto della retribuzione delle ferie.

«L’ipotesi di accordo – dice Salvatore Pasquale, segretario generale Fit Cisl di Bergamo - sarà sottoscritta e sarà sciolta la riserva dopo la consultazione referendaria tra i lavoratori».

«Si è giunti a questa firma dopo una vertenza che ha visto ben cinque giornate di mobilitazione nell’arco dell’ultimo anno» ha commentato poco fa Marco Sala, segretario generale della Filt Cgil di Bergamo. «Questa fase così difficile si conclude, dunque, positivamente senza alcun impatto sugli aspetti normativi del Contratto, che in un passaggio delicato della trattativa le controparti intendevano modificare in peggio. Lo sciopero di 24 ore, previsto per il 30 maggio, viene dunque revocato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA