Morto a 21 anni mentre consegna le lettere in moto, la Cgil: «Basta vittime sul lavoro, anche alle Poste»

La Cgil Bergamo «L’ennesima giovane vittima sul lavoro - sottolineano - non può e non ci deve lasciare indifferenti».

Morto a 21 anni mentre consegna le lettere in moto, la Cgil: «Basta vittime sul lavoro, anche alle Poste»
Il motorino delle Poste su cui viaggiava il giovane portalettere a Brusaporto

«Basta vittime sul lavoro, anche in Poste ci dobbiamo fare carico di eliminare gli infortuni e le tragedie». Lo affermano il segretario della Slc-Cgil della Lombardia Francesco Sole, Maria Adobati della Slc di Bergamo e Angelo Chiari, responsabile sicurezza della Cgil di Bergamo all’indomani della morte di un ragazzo di 21 mentre svolgeva il proprio lavoro di portalettere tra i comuni di Brusaporto e Albano Sant’Alessandro in provincia di Bergamo.

«L’ennesima giovane vittima sul lavoro - sottolineano - non può e non ci deve lasciare indifferenti. Spesso in un’azienda come Poste Italiane i precari, e non solo, sono sistematicamente sotto pressione e sempre sul limite del rispetto delle regole, pur di assicurare tempi e quantità nella consegna della corrispondenza». «La Slc-Cgil - proseguono - è anni che sostiene la necessità di garantire modalità di lavoro che non mettano a rischio i dipendenti, specie nel recapito, richiamando la Società ed anche i lavoratori al rispetto rigido delle norme di sicurezza».

Leggi anche

Il Sindacato inoltre «sta chiedendo da anni il riconoscimento quale lavoro usurante della mansione di portalettere, esposto costantemente ai rischi della viabilità, della qualità dei mezzi meccanici, alle intemperie e ad un ciclo di lavoro spesso soffocante». «Purtroppo poi - evidenziano - troppo frequentemente, questo tipo di incidenti non vengono considerati morti sul lavoro, con tutte le garanzie del caso, ma vittime incidenti stradali. È un fatto anomalo, visto che il tragitto della consegna della posta è parte assolutamente integrante della routine lavorativa».

Leggi anche

«Sono solo alcune considerazioni - concludono - che non cancellano il dramma della morte di Francesco, collega e portalettere di Brusaporto, dei suoi familiari e di tutta la comunità del suo paese, al quale ci stringiamo con affetto e mettendo a disposizione la nostra azione sindacale perché quanto accaduto non abbia mai più a ripetersi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA