Giovedì 18 Febbraio 2010

Atalanta-Mapello finisce 4-0
Ceravolo firma una doppietta

S'avvicina l'incontro con il Chievo Verona, in programma domenica 21 febbraio alle 15 al Comunale e in casa Atalanta si respira un'atmosfera carica: Doni e compagni sono consapevoli che sarà un incontro decisivo. La squadra nerazzurra affronterà i clivensi senza gli squalificati Bellini e Manfredini e gli infortunati Barreto e De Ascentis.

Nel consueto test infrasettimanale, disputatosi a Mapello contro la locale formazione che milita in Eccellenza, mister Lino Mutti ha mescolato le carte: motivo più per tenere sulle spine l'intero gruppo in vista del delicato incontro. L'interesse della giornata era capire quali potrebbero essere i giocatori pronti a sostituire i due difensori fermati dal giudice sportivo. Il posto di Bellini sarà con ogni probabilità occupato da Peluso, autore di una buona prestazione.

Trovare il sostituto di Manfredini appare un'impresa più ardua. Talamonti è alle prese con un affaticamento agli aduttori, ma sarà del match: nel primo tempo sono scesi in campo Bianco e Pellegrino, con il secondo in vantaggio per affiancare il numero 2 argentino. A metà campo al fianco di Guarente è stato provato Volpi, a causa dell'assenza dell'influenzato Padoin, che domenica dovrebbe riprendere il suo posto nel settore nevralgico del campo.

Sulle fasce hanno agito Ferreira Pinto e Ceravolo, mentre Valdes è stato utilizzato nella ripresa: in tre per due maglie, con i due stranieri che partono favoriti. Anche in attacco qualche dubbio rimane. Doni è sceso in campo nella ripresa, affiancato da Chevanton; Amoruso-Tiribocchi è stata la coppia titolare, che difficilmente verrà riproposta contro il Chievo.

L'allenatore Mutti ha sempre sottolineato di considerare Doni un elemento assolutamente fondamentale, per cui ci sarà da indovinare la punta che lo affiancherà. Il test contro un buon Mapello è stato vinto dai nerazzurri (4-0) grazie alla doppietta di Ceravolo, al gran gol di tacco di Amoruso e alla rete di rapina di Chevanton. Federico Peluso sembra dunque l'erede di Bellini per la partita con il Chievo.

“Cerchiamo di ripetere la partita dell'andata – confida il numero 13 atalantino – Il pubblico sarà la nostra arma in più, che a noi darà una grossa mano. Il Chievo è un'ottima squadra, anche se reduce da un periodo poco positivo: dovremo stare attenti! Personalmente spero di sfruttare questa occasione, bisogna pensare alla squadra e alla salvezza, non è tempo di pensare a sé stessi!”

Simone Masper

m.sanfilippo

© riproduzione riservata