Domenica 02 Maggio 2010

Mutti: «Sfida verità con il Bologna
Se non vinciamo siamo spacciati»

Ci siamo quasi: Atalanta-Bologna non sarà una sfida come tutte le altre. Di match importanti e decisivi se ne parla dall'arrivo di Mutti sulla panchina atalantina, ma mai come in questa circostanza la definizione ultima spiaggia si addice all'incontro: se i nerazzurri vincono la speranza rimane accesa, in caso di sconfitta sarebbe l'addio alla serie A.

A Zingonia jnei giorni scorsi si respirava un clima di giusta tensione, come ha confermato l'allenatore Lino Mutti: «C'è una certa tensione, inutile nasconderlo. Sappiamo che siamo alla stretta finale: bisogna viverla con la giusta attenzione, senza che possa diventare un elemento negativo. Sono giorni pesanti: giusto che sia così. Sarà la partita fondamentale, se non vinceremo le possibilità diventeranno prossime allo zero. La situazione è precaria dal punto di vista numerico in difesa».

Mister Mutti ha parlato anche dell'avversario lodandone i giocatori e analizzando quale possa essere il punto debole, elemento comune alle squadre che nel corso del campionato hanno lottato per non retrocedere. «A volte gli può mancare la gestione della gara per novanta minuti, come succede a noi. Penso a squadre come il Chievo che non hanno avuto questo difetto e si sono salvate sbagliando molto meno. La squadra di Colomba ha un patrimonio notevole in attacco ed è molto organizzata. È riuscita a fare una scalata importante in poche partite: significa che ha trovato i giusti equilibri e, grazie soprattutto a Di Vaio, è riuscita a fare la differenza».

La quota salvezza, in caso di tre vittorie nelle ultime partite, salirebbe a 43 punti, che potrebbero addirittura non bastare. «Purtroppo è stato un campionato particolare - conclude Mutti -. Certe squadre che avrebbero dovuto essere coinvolte nelle zone calde della classifica si sono subito messe al sicuro. Altre in lotta per traguardi più importanti si sono autoeliminate. C'è stata una dispersione di punti per le piccole-medie che ha alzato la quota salvezza, mentre le squadre coinvolte per la retrocessione sono sempre state quelle. Retrocedere con 43 punti sarebbe un'assurdità».

Probabile formazione (4-4-2)
: Coppola (Consigli); Bellini, Capelli, Pellegrino, Peluso; Ferreira Pinto, Padoin, Guarente, Valdes; Tiribocchi, Amoruso.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata