Venerdì 01 Ottobre 2010

Atalanta, difesa inedita a Modena
Contro il Sassuolo esame severo

La prima assoluta in un campionato professionistico tra Sassuolo e Atalanta sarà ricordata in casa nerazzurra per l'ennesimo schieramento difensivo nuovo di zecca e per la conferma del 4-3-1-2 che aveva impressionato nel primo tempo dell'ultima partita contro la Reggina.

Partiamo da quanto hanno detto gli allenamenti della settimana della squadra di Colantuono. Il difensore Talamonti si è nuovamente bloccato per un leggero stiramento ai flessori della coscia destra. Fermi l'altro infortunato Manfredini e lo squalificato Raimondi, all'allenatore romano non sono rimasti che quattro giocatori per completare il reparto.

Bellini tornerà a destra, con Peluso a sinistra, mentre la coppia centrale costituirà la grande novità di giornata. Troest e Capelli giocheranno fianco a fianco per la prima volta in un match ufficiale: il mister ha ammesso di aver già provato questa coppia a partire dal ritiro, ma per loro sarà una giornata difficile contro un avversario forte soprattutto davanti.

Troest non è però un giocatore inesperto: ha alle sue spalle un campionato di serie B (Parma 2008/2009) e contro la Reggina ha dimostrato quanto vale, sfiorando un gol e salvandone uno già fatto. Tra i convocati figura anche Suagher, classe 1992, difensore centrale di Romano di Lombardia in forza alla Primavera atalantina di Bonacina.

Da metà campo in avanti l'Atalanta sarà la stessa di quella vista all'opera contro la Reggina. Tutto dipenderà dallo stato di forma di capitan Doni e dal trattamento che riceverà dai difensori neroverdi. Gli assist dell'esperto fantasista saranno naturalmente molto importanti per mettere in moto Ardemagni e Ruopolo. In panchina ci sarà comunque Tiribocchi, non ancora al 100% ma pronto a dare un contributo a partita in corso.

Riguardo l'atteggiamento, sarà importante partire con il piede giusto. Il match di Siena è ancora un fresco ricordo e subire gol in apertura potrebbe complicare le cose. Ci sarebbe il rischio di vedere ancora la squadra atalantina con il pallino del gioco, ma in difficoltà nel trovare varchi, contro una squadra ripiegata nella propria metà campo.

Se per la squadra di Colantuono non si può parlare di partita decisiva, per quella emiliana e per il suo mister la situazione è leggermente diversa. I neroverdi sono reduci da un avvio di campionato deludente, con appena 7 punti conquistati in 6 gare.

Appare difficile interpretare il cammino del team emiliano. Dopo un avvio devastante contro il Livorno, battuto 4-0 in Toscana, i giocatori di mister Arrigoni hanno pareggiato a domicilio contro il Grosseto (1-1), prima di venire sconfitti a Udine dal Portogruaro (1-0) e dal Torino (2-1) tra le mura amiche. L'unica vittoria casalinga è stata conquistata contro il Vicenza (2-1), mentre nell'ultimo match la squadra emiliana ha raccolto una pesante sconfitta a Crotone (2-0).

La panchina di mister Arrigoni non è tra le più tranquille della cadetteria, soprattutto pensando agli acquisti blasonati fatti dalla società in estate, come Catellani, Bruno, Troiano e De Falco, gente che può fare la differenza, e di Paolo Bianco, ex atalantino poco rimpianto dai tifosi orobici. Il Sassuolo, che scenderà in campo con un 4-4-3, farà di tutto per vincere, rilanciarsi in classifica e tranquillizzare l'ambiente. 

I probabili schieramenti
ATALANTA (4-3-1-2): 47 Consigli; 6 Bellini, 4 Capelli, 24 Troest, 13 Peluso; 22 Padoin, 26 Carmona, 8 Barreto; 27 Doni; 63 Ardemagni, 28 Ruopolo. In panchina: 78 Frezzolini, 92 Suagher, 19 Basha, 89 Bonaventura, 23 Pettinari, 70 Ceravolo, 90 Tiribocchi. All. Colantuono.
SASSUOLO (4-3-3): 32 Bressan; 26 Polenghi, 5 Minelli, 22 P. Bianco, 83 G. Bianco; 2 De Falco, 4 Magnanelli; 8 Riccio; 7 Masucci, 9 Bruno, 21 Quadrini. In panchina: 17 Pomini, 27 Consolini, 6 Piccioni, 16 Valeri, 20 Fusani, 10, Martinelli, 18 Noselli. All. Arrigoni.
Arbitro: Guida di Torre Annunziata (Chiocchi-Bianchi/Peretti).
In tv: diretta su Sky Calcio 7.
Simone Masper

m.sanfilippo

© riproduzione riservata