Domenica 02 Gennaio 2011

Progetto neonati atalantini
1.260 iscritti in soli due mesi

Tutti pazzi per le baby-magliettine dell'Atalanta. Il «Progetto neonati atalantini» sta stupendo tutti. In due mesi sono già 1.260 i neonati registrati all'anagrafe atalantina: 820 al sito, 440 agli ospedali. Il dato è aggiornato al 23 dicembre).

L'iniziativa del presidente Antonio Percassi di regalare una maglia dell'Atalanta a tutti i neonati di Bergamo e provincia sta dunque riscuotendo un grande successo. I numeri dicono che è già diventata una piacevole consuetudine per mamme e papà chiedere in reparto il gadget offerto dalla società nerazzurra.

Sul sito dell'Atalanta continuano ad arrivare iscrizioni non solo da tutta Italia (recentemente anche da Udine, Cuneo, Aosta), ma anche da diverse parti del mondo (new entry Svezia e Austria, dopo Stati Uniti, Inghilterra e Francia).

Negli ospedali della nostra provincia (Bergamo, Alzano, Calcinate, Piario, Ponte San Pietro, San Giovanni Bianco, Seriate e Treviglio) le magliette vengono consegnate ai genitori al momento delle dimissioni insieme a una lettera di benvenuto al mondo firmata dal presidente e indirizzata al neonato.

Per chi si registra al sito o per i nati fuori Bergamo, l'Atalanta comunicherà periodicamente dove e quando ritirare le magliette. Un'altra curiosità: tre settimane fa all'ospedale di Bergamo è nato Michele, il secondogenito di Federico Peluso. Ovviamente anche il figlio del difensore nerazzurro è stato registrato all'anagrafe atalantina e all'uscita dall'ospedale ha ricevuto il suo gadget. Non solo: Peluso si è poi fatto personalizzare la magliettina e l'ha fatta firmare a tutti i compagni di squadra.

Ma in casa Atalanta non è stato l'unico: anche il figlio del responsabile sanitario, il dottor Lucio Genesio, e la nipotina del segretario Fabio Rizzitelli sono stati registrati all'anagrafe nerazzurra.

G. M.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata