Venerdì 18 Marzo 2011

Atalanta, riecco Tir & Ciccio
Coppia-gol contro il Piacenza

Rieccoli in coppia. Il Tir & Ciccio, di nuovo insieme, di nuovo in prima linea per sfondare il muro del Piacenza. Che non sarà una muraglia cinese (gol subiti, solo Frosinone e AlbinoLeffe hanno fatto peggio), ma in trasferta ha la decima difesa della B e soprattutto sembra aver trovato il suo equilibrio: Cassano non prende gol da due partite e mezza, 238 minuti. E il Piacenza nelle ultime 6 giornate ha subìto solo 3 gol, come l'Atalanta.

Tiribocchi e Ruopolo dunque sabato saranno di nuovo insieme. Come all'andata, quando per un tempo sembrò tutto facile (2-0). E oggi sono tre mesi esatti dall'ultima volta in cui hanno giocato in coppia da titolari. Non succede da Cittadella-Atalanta del 18 dicembre, penultima d'andata.

Da allora ci sono stati l'operazione al ginocchio che ha tolto dai giochi Ruopolo per 45 giorni e l'arrivo di Marilungo e Bjelanovic, poi è arrivato il periodo di flessione del Tir. Ecco perché non hanno più giocato insieme. Sabato però tocca di nuovo a loro.

Così sussurra Zingonia, così a quanto pare la pensa anche Colantuono che questa coppia l'ha fatta giocare più di qualsiasi altra (e le combinazioni degli attaccanti proposti insieme sono già dieci): otto volte. Dunque nessun pericolo: l'intesa c'è, anche se sarà un po' arrugginita. Ma tre mesi non cancellano gli automatismi.

È come andare in bicicletta: una volta che hai imparato non lo scordi più. In settimana il Cola li ha provati e riprovati. Sabato tocca a loro, e i due insieme hanno un bel carico di punti alle spalle. Quando Colantuono li ha schierati insieme ha conquistato 19 su 24: sei vittorie, un pareggio e giusto una sconfitta, proprio quella di Piacenza. E anche con un carico di gol: 14 nelle otto partite (solo con il Frosinone all'andata l'Atalanta è rimasta a bocca asciutta).

Ora di quei gol hanno bisogno entrambi. Il Tir giocando a fianco di Ciccio ha segnato tre delle sue nove reti (con Piacenza, Padova e Crotone), Ciccio ne ha fatte due (quelli all'AlbinoLeffe, dopo l'ingresso del Tir). Ma non hanno segnato entrambi nella stessa partita, pur essendo, con 14 gol totali, i due attaccanti più prolifici della squadra. Ma ora, come detto, sono loro i primi a cercare i gol.

Tiribocchi è vicino alla doppia cifra, non segna da Frosinone un mese e mezzo fa e in tre delle ultime quattro gare è partito dalla panchina. «Ho avuto un periodo di flessione fisica - ha spiegato l'altro giorno a SportItalia -, il mister ha scelto altri e ci sta». Ma ad Ascoli ha sfiorato il gol, è sembrato in ripresa. E al Piacenza ha già segnato all'andata (assist di Ruopolo).

Il digiuno di Ruopolo, complice l'infortunio, è ancora più lungo. Ciccio non segna dal derby di oltre tre mesi fa, ma il lavoro che in ogni partita fa per la squadra lo rende comunque preziosissimo. Però è chiaro che da un attaccante (l'aveva detto lui stesso prima della gara col Novara) ci si aspetta anche qualche gol. L'Atalanta si affida a loro due e alla loro voglia di interrompere il digiuno per battere il Piacenza, prendersi la rivincita attesa da cinque mesi e, magari, provare anche l'allungo decisivo.

Guido Maconi

m.sanfilippo

© riproduzione riservata