Sabato 18 Febbraio 2012

L'Atalanta nella tana del Mondo
«Serve tranquillità in classifica»

Nella tana del Mondo per conquistare una fetta importante di salvezza. L'Atalanta scenderà in campo sul sintetico di Novara, domenica 19 febbraio alle 15, per concludere la settimana più delicata di questo 2012. Dopo il pareggio con il Lecce e la vittoria contro il Genoa, gli uomini di Stefano Colantuono potrebbero già ipotecare la salvezza nel mese di febbraio, e la cosa avrebbe del clamoroso vista la penalizzazione. Prima però i nerazzurri dovranno vedersela contro l'allenatore per eccellenza dell'Atalanta, quell'Emiliano Mondonico che ha scritto pagine di storia nerazzurra in Italia e in Europa negli anni 80 e che poi è tornato negli anni 90 a risollevare le sorti della sua amata.

«Dobbiamo pensare al nostro cammino - ha affermato Stefano Colantuono alla vigilia -. A noi interessa solo mantenere una posizione di classifica tranquilla, che ci permetta di continuare a lavorare con serenità. Mondonico ha superato difficoltà ben più grandi rispetto a quelle di una partita. Adesso è più forte di prima. A Milano non è andato per difendersi e fare catenaccio: in quei casi sono gli avversari che ti costringono a farlo».

L'impegno contro i piemontesi arriva al termine di una settimana non solo decisiva, ma anche dispendiosa dal punto di vista fisico, con una rosa ridotta per squalifiche, ma soprattutto per infortuni e sindromi influenzali. Per il match con i piemontesi Colantuono ha recuperato qualche infortunato e dovrà fare a meno solo di Carmona, Capelli, Gabbiadini e dello squalificato Manfredini. Marilungo sarà al fianco di Denis, mentre i dubbi riguardano il centrocampo. Confermati Schelotto e Cigarini, i dubbi sono per gli altri due posti, con il ballottaggio Brighi-Cazzola per un posto da centrale e con tre giocatori in corsa per il ruolo d'esterno sinistro, Maxi Moralez, Carrozza e Bonaventura. L'argentino sembra il favorito, nonostante l'ottima prova dell'esordiente pugliese. In difesa le scelte appaiono obbligate, vista la squalifica di Manfredini. Davanti a Consigli giocheranno Raimondi a destra, Stendardo e Lucchini centrali e Peluso a sinistra.

«In attacco ci saranno Denis e Marilungo - ha concluso Colantuono -. A centrocampo ho ancora qualche dubbio. Brighi l'ho visto bene e se mi da garanzie sarà ancora del match». Se l'Atalanta non può dirsi al completo, Mondonico ha ben altri problemi a cui pensare. L'allenatore di Rivolta d'Adda dovrà infatti fare a meno di diversi infortunati come Ludi, Dellafiore, Marianini e Morimoto. Dopo la vittoriosa partita contro l'Inter il giudice sportivo ha squalificato ben tre novaresi, Porcari, Morganella e Radovanovic, l'ex di turno che dovrà così saltare il match contro la squadra che lo ha lanciato in Italia. Sono quindi 18 i convocati di Mondonico, il quale non dovrà inventarsi niente dal punto di vista dei numeri, ma qualcosa potrebbe farlo a livello tattico per dare un dispiacere alla sua amata Atalanta. La salvezza passa da Novara. Vincere significherebbe staccare ulteriormente un diretto avversario e affrontare la primavera senza grossi problemi. Bergamo ci spera, anche se Colantuono in sala stampa ha subito smorzato i toni da partita decisiva. Decisiva lo sarà solo in caso di vittoria. Ovviamente, Mondo permettendo.
Simone Masper

Probabili formazioni
Novara (5-3-2): 1 Ujkani; 77 Rinaudo, 4 Lisuzzo, 30 Centurioni, 28 Garcia, 3 Gemiti; 7 Jensen, 22 Pesce, 10 M.Rigoni; 27 Jeda, 9 Caracciolo. A disp.: 31 Fontana, 24 Paci, 12 Silva, 21 Mazzarani, 32 Coubronne, 9 Rubino, 25 Mascara. All.: Mondonico.
Atalanta (4-4-2): 47 Consigli, 77 Raimondi, 2 Stendardo, 3 Lucchini, 13 Peluso; 7 Schelotto, 21 Cigarini, 44 Cazzola, 11 Maxi Moralez; 89 Marilungo, 19 Denis. All. Colantuono. Arbitro: Banti di Livorno.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata