Venerdì 02 Marzo 2012

Comark, trasferta insidiosa:
serve una prestazione super

Disco rosso per la Comark nell'anticipo di sabato 3 marzo (ore 21) a Verbania, in casa della corazzata Omegna? Le cifre dicono sì, la tradizione dice no. Procediamo con ordine. Omegna, oltre ad essere la capolista incontrastata, ha sin qui vinto 23 gare mentre la Comark ne ha collezionato 16. Il team bergamasco, però, nelle ultime 4 stagioni sportive ha espugnato quel parquet addirittura 3 volte.

La Comark, poi, potrebbe sperare in un rilassamento dei padroni di casa visto che l'obiettivo playoff è, praticamente, già stato da loro centrato. Così, del resto, è accaduto la scorsa domenica allorquando, sempre Omegna, è stata sorprendentemente castigata dal penultimo Pavia (67-60 al PalaRavizza).

Purtroppo coach Adriano Vertemati non potrà presentare la formazione al completo. Gli infortunati Marino e Vitale, anche se in confortante recupero, non saranno della partita: ben che vada andranno in panchina ma unicamente per onor di firma.

«Ogni partita va giocata sino in fondo – a parlare è il general manager Euclide Insogna – al di là della eventuale differente potenzialità delle sfidanti. Certo, non siamo i favoriti della vigilia ma da qui a considerarci sconfitti in partenza ce ne vuole». Sicchè per tentare l'”impossibile” dovranno scattare quanto meno due fattori: una super prestazione di capitan Zanella e compagni e, al tempo stesso, una prova parecchio sotto tono degli avversari di turno».

Alla Comark, comunque, non mancherà il sostegno di parecchi tifosi che raggiungeranno Verbania con un pullman e con mezzi propri. Nel match dell'andata prevalse Omegna di stretta misura (73-69 il risultato) al termine di una partita condotta, sino alle battute finali, da una grande Comark.

Arturo Zambaldo

a.ceresoli

© riproduzione riservata