Elio Gustinetti, ghiotta sfida
Sarà sulla panchina del Lecce

Sicuramente una buona opportunità si presenta a Elio Gustinetti per rientrare nel giro del calcio che conta. L'improvvisa chiamata sulla panchina del Lecce, al posto di Antonio Toma, è arrivata proprio al termine della puntata di «Tutto Atalanta».

Elio Gustinetti, ghiotta sfida Sarà sulla panchina del Lecce

Sicuramente una buona opportunità si presenta a Elio Gustinetti per rientrare nel giro del calcio che conta. L'improvvisa chiamata sulla panchina del Lecce, al posto di Antonio Toma, impegnato nei playoff per il passaggio in serie B, è arrivata all'allenatore bergamasco proprio al termine della puntata “Tutto Atalanta”, di lunedì scorso, su Bergamo Tv, di cui era ospite.

Anche se il contratto con il club pugliese è stato circoscritto alla durata delle sfide-spareggio, è scontato che nel caso di promozione lo stesso Gustinetti verrà confermato. Vale la pena ricordare che Gustinetti ha guidato, tra l'altro, l'Albinoleffe in B una decina di anni or sono, dopo aver ottenuto la promozione. È, poi, tornato all'Albinoleffe nella stagione sportiva 2007-2008 per poi passare al Grosseto, all'Ascoli e allo Spezia.

Il 15 marzo dello scorso anno risolse consensualmente il contratto che lo legava alla società ligure. Da giocatore, invece, cresciuto nelle giovanili atalantine, ha disputato successivamente in prima squadra quattro campionati. Dopodichè ha giocato nell'Udinese, Foggia, Forlì e Spal. E' stato ad un passo per allenare anche l'Atalanta visto che il suo nominativo era periodicamente segnato sull' agenda del compianto presidente Ivan Ruggeri.

E in più di un'occasione, sempre Gustinetti, aveva manifestato il desiderio di poter rientrare nel club che lo aveva lanciato nel mondo professionistico. Gustinetti, come mister, è solito privilegiare il 4-4-2, anche se, spesso e volentieri sa adattarsi alle caratteristiche dell'organico a sua disposizione. Inoltre, lavora parecchio sotto l'aspetto psicologico esigendo, poi, un gioco il più possibile spettacolare. Altro dato da evidenziare, le sue squadre segnano molti gol. Ad Antonio Toma (vice di Antonio Conte, all'Atalanta) è costata cara la sconfitta di domenica allo stadio Azzurri d'Italia, proprio, con l'Albinoleffe.

Arturo Zambaldo

© RIPRODUZIONE RISERVATA