Sabato 15 Febbraio 2014

C’è il Parma, attenta Atalanta

Vietato rilassarsi al Comunale

Jack Bonaventura a Firenze
(Foto by Magni)

Tutto troppo tranquillo per essere vero. Settimana senza sbalzi d’umore in casa Atalanta, reduce da una sconfitta che non ha fatto stracciare le vesti alla società atalantina in quel di Firenze. Si è perso, ma con onore e con un pizzico di sfortuna e ora arriva il Parma, in campo al Comunale domenica alle 15.

L’attesa di questa partita non sembra far impazzire. L’Atalanta è abbondantemente lontana dalle zone calde, in casa è una formazione d’alta classifica, basta chiedere al Napoli tanto incensato di Rafa Benitez. Sembra che al Comunale debba arrivare un avversario scadente come valore e blasone.

Sarebbe davvero un grosso errore pensare che la squadra allenata da Donadoni sia sullo stesso livello dell’Atalanta. Lo ha spiegato anche Colantuono in sala stampa alla vigilia, guai a mollare e pensare che sarà un normale scontro salvezza, ma Denis e compagni si troveranno di fronte una signora squadra.

In casa Atalanta mancheranno lo squalificato Cigarini e l’infortunato Brienza. Il tecnico Colantuono potrà scegliere senza problemi in tutti i reparti del campo e ci saranno delle novità. I ballottaggi riguardano soprattutto gli esterni. Davanti a Consigli confermati l’ex Benalouane, Yepes e Stendardo, ci sarà uno tra Del Grosso e Brivio: dopo la grande prestazione contro il Napoli l’ex Siena è stato riconfermato contro i viola, ma alla vigilia il favorito è Brivio.

A centrocampo forze fresche per Colantuono: Baselli e Carmona saranno i titolari, il primo a out a Firenze il secondo in campo negli ultimi minuti. Confermatissima la coppia d’attacco Maxi Moralez-Denis, così come il sempre in crescendo Jack Bonaventura. Ultimo ballottaggio sulla corsia di destra: Raimondi o Estigarribia? Colantuono non ha regalato sconti nella conferenza stampa della vigilia, ma l’esterno bergamasco potrebbe usufruire di un turno di riposo.

Sogni di gloria, questo è il momento giusto per cullarli. A Bergamo arriva una squadra che non perde da 11 partite. La quota salvezza appare sempre più bassa, ancora poche vittorie e la permanenza in A sarà una certezza. A tre mesi e mezzo dalla fine: perché non provare a sognare? Una lunga rincorsa, certo, ma l’entusiasmo tornerebbe quello dei giorni migliori.

I due probabili schieramenti

ATALANTA (4-4-1-1): 47 Consigli; 29 Benalouane, 2 Stendardo, 33 Yepes, 28 Brivio; 20 Estigarribia, 17 Carmona, 18 Baselli, 10 Bonaventura; 11 Moralez; 19 Denis. All. Colantuono. In panchina:37 Sportiello, 78 Frezzolini, 27 Del Grosso, 93 Nica, 3 Lucchini, 5 Giorgi, 77 Raimondi, 8 Migliaccio, 44 Cazzola, 90 Kone, 91 De Luca, 7 Livaja.

PARMA (4-3-3): 83 Mirante; 2 Cassani, 29 Paletta, 6 Lucarelli, 18 Gobbi; 16 Parolo, 32 Marchionni, 5 Gargano; 7 Biabiany, 11 Amauri, 99 Cassano. All. Donadoni. In panchina: 91 Bajza, 43 Coric, 35 Rossini, 3 Molinaro, 30 Acquah, 8 Galloppa, 23 Schelotto, 23 Mauri, 24 Munari, 17 Palladino, 9 Cerri, 10 Pozzi.

Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa (Ranghetti-La Rocca/ quarto uomo Stefani, add1 Di Bello, add2

Mariani).

Simone Masper

© riproduzione riservata