Giro di Lombardia: vince Pogacar, secondo il bergamasco Masnada, terzo Yates - Foto

La gara partita da Como si è conclusa nel pomeriggio a Bergamo. Al primo posto Tadej Pogacar, davanti a un ottimo Fausto Masnada, bergamasco. Terzo il britannico Yates.

Giro di Lombardia: vince Pogacar, secondo il bergamasco Masnada, terzo Yates - Foto
Tadej Pogacar vince il Giro di Lombardia, secondo il bergamasco Fausto Masnada
(Foto di Paolo Magni)

Tadej Pogacar ha vinto la 115 a edizione del «Lombardia», classica delle foglie morte con partenza da Como ed arrivo a Bergamo . Il 23enne campione sloveno della Uea Emirates, trionfatore negli ultimi due Tour de France, ha superato in una volata a due l’azzurro bergamasco Fausto Masnada (Deceuninck-Quickstep), subentrando nell’albo d’oro dell’ultima «monumento» della stagione al danese Jakob Fuglsang. Tadej Pogacar, che si è già aggiudicato una classica monumento come la Liegi-Bastogne-Liegi, si conferma così anche un corridore da gare di un giorno. Lo sloveno ha vinto le ultime due edizioni del Tour de France. Pogacar, 23 anni, si è imposto nella corsa organizzata da Rcs Sport-La Gazzetta dello Sport, precedendo Masnada e il britannico Adam Yates, terzo a 51”. Il favorito della gara, l’altro sloveno Primoz Roglic, si è invece piazzato al quarto posto . Quinto lo spagnolo Alejandro Valverde e sesto il francese Julian Alaphilippe.

L’ultima volta de Il Lombardia a Bergamo risale al 2016 quando a scrivere il proprio nome nell’albo d’oro è stato il colombiano Esteban Chaves: «Sono passati cinque anni dall’ultimo Lombardia a casa nostra, in una alternanza tra partenza e arrivo che ci vede viaggiare in tandem con gli amici di Como – ha commentato Giovanni Bettineschi, presidente di Promoeventi Sport, società referente per la bergamasca degli eventi RCS Sport – e siamo estremamente felici di aver lavorato perché questa edizione arrivasse nel cuore di Bergamo, in un anno che è stato per tutti estremamente difficile: con l’arrivo di questa gara monumento nella nostra terra, abbiamo dato un forte segnale di ripresa e di voglia di ritorno alla normalità».

Parterre de roi all’arrivo in viale Papa Giovanni XXIII con numerose autorità di Bergamo tra cui il Sottosegretario con delega allo Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi Eventi di Regione Lombardia Antonio Rossi, l’assessore allo sport del Comune di Bergamo Loredana Poli, che insieme al Sindaco Giorgio Gori hanno fortemente voluto il traguardo de Il Lombardia nella nostra città.

Sul palco a premiare i vincitori anche Marco Redolfi assessore provinciale allo sport . Ad assistere all’arrivo de Il Lombardia la VicePresidente FCI Norma Gimondi, il ViceQuestore Andrea Sandroni, l’assessore regionale al Turismo Lara Magoni e il direttore di ACI Bergamo Giuseppe Pianura.

Con Il Lombardia di oggi si è conclusa una stagione di ciclismo che ha richiamato l’attenzione del grande pubblico verso una disciplina straordinaria che ha la capacità di unire il mondo professionistico con quello degli amatori , e domani, infatti, toccherà proprio a questi ultimi scendere in campo con la Gran Fondo Il Lombardia su un anello in terra lariana, che vede partenza e arrivo a Cantù, e le due storiche salite del Ghisallo e di Sormano da scalare.

La diretta delle fasi finali della corsa

Alle 16,36 la volata finale : vince Tadej Pogačar, secondo il bergamasco Fausto Masnanda. Yates vince la volata del gruppetto: terzo posto. Quarto Roglič.

Alle 16.31 la gara passa in Porta Garibaldi . Duello Pogacar-Masnada!

Alle 16.25 la gara entra in città : via Bianzana, via Corridoni e Borgo Santa Caterina. Tra due km lo strappo decisivo di Città Alta. Ancora 40 secondi di vantaggio per i due al comando.

Alle 16.15 il bergamasco Fausto Masnada , proprio negli ultimi metri della discesa di Selvino, ha raggiunto Pogacar. Due uomini al comando. Dietro a loro, un gruppo di 8 uomini a 36 secondi .

Alle 15.57 al Passo di Ganda (Aviatico) Pogacar è da solo al comando : allo scollinamento lo sloveno ha 31 secondi su un gruppo composto da Alaphilippe, Adam Yates, Roglic, Valverde, Bardet, Gaudu, Masnada, Woods e Vingegaard. La discesa è lunga circa 15 chilometri, poi ci sono 10 chilometri di pianura prima dello strappo di Bergamo alta.

Attesa a Bergamo per l’arrivo della gara: tanta gente lungo la salita della Boccola in attesa del passaggio dei corridori.

I corridori sono partiti da Como nella mattinata di sabato 9 ottobre alle 10.35. Ecco le foto.

Sul percorso in Bergamasca i tifosi hanno già preparato l’accoglienza ai corridori, qui siamo al passo di Ganda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA