Domenica 23 Marzo 2014

Colpaccio dell’Atalanta a San Siro

Bonaventura affonda l’Inter al 90’

La gioia dell’Atalanta dopo il primo gol di Bonaventura
(Foto by Magni Paolo Foto)

INTER-ATALANTA 1-2

RETI: 35’ pt Bonaventura, 36’ pt Icardi, 45’ st Bonaventura.

INTER (3-5-2): Handanovic 6, Campagnaro 5 (37’ st Kovacic sv), Ranocchia 6, Rolando 6; Jonathan 6,5, Guarin 6, Cambiasso 5,5 (16’ st Alvarez 6), Hernanes 6, D’Ambrosio 5 (26’ st Nagatomo 6); Palacio 6, Icardi 6,5. All. Mazzarri. In panchina: Castellazzi, Carrizo, Zanetti, Samuel, Taider, Kuzmanovic, Botta, Milito.

ATALANTA (4-4-1-1): Consigli 7; Nica 6 (30’ st Raimondi 7), Stendardo 7, Yepes 6,5, Del Grosso 6; Estigarribia 6, Cigarini 7 (40’ st Baselli sv), Carmona 7, Bonaventura 9; Moralez 7 (38’ pt Brienza 6); Denis 6,5. All. Colantuono. In panchina: Sportiello, Lucchini, Bellini, Migliaccio, Giorgi, Kone, De Luca, Livaja, Bentancourt.

Arbitro: Giacomelli di Trieste 6.

Atalanta ancora corsara sul campo dell’Inter: un 2-1 firmato proprio al 90’ da Bonaventura, autore di una prestazione super e di una doppietta. I nerazzurri, alla quarta vittoria di fila, sono già a quota 40 a nove giornate dalla conclusione. Quaranta che erano i punti preventivati alla vigilia del campionato per garantirsi la salvezza, ma che ora valgono l’8ª posizione, in compagnia del Verona (distrutto 5-0 dalla Sampdoria), a -7 dalla 5ª posizione (Inter e Parma a 47) che vale l’Europa League e a +16 sull’area retrocessione.... Ribadiamo, è quasi un’impresa impossibile conquistare l’Europa, ma perché non sognare?

Dopo l’incredibile 4-3 (da 1-3) dello scorso campionato, l’Atalanta ha replicato il colpaccio a San Siro con un 2-1 in zona Cesarini e anche stavolta è stato un match rocambolesco con quattro legni colpiti dall’Inter nella ripresa e con Bonaventura che ha segnato di testa sotto le gambe di Handanovic.

Raccontiamo ancora gli ultimissimi minuti del match per dare l’idea: dopo un secondo tempo a senso unico in favore dell’Inter, l’Atalanta ha sfiorato il 2-1 all’87’ (salvataggio di Jonathan su Brienza quasi sulla linea di porta), è stata a un passo dal perdere all’88’ (traversa di Jonathan e Icardi non ha segnato da zero metri con Raimondi che ha deviato il pallone sul palo) e ha vinto al 90’: punizione da destra di Brienza e incornata di Bonaventura non marcato da nessuno.

Il risultato più giusto sarebbe stato il pareggio, ma l’Atalanta - al di là della zampata finale - è da elogiare perché nel primo tempo ha giocato con grande disinvoltura e decisione sfiorando la rete con Stendardo (7’ pt) e Cigarini (13’ pt), colpendo una traversa con Denis (18’ pt) e realizzando il primo gol al 35’ pt con un contropiede di Moralez concretizzato da un formidabile Bonaventura. Un giocatore che per 45’ ha creato grave imbarazzo nella difesa dell’Inter, sicuramente l’atalantino sul gradino più alto del podio. Unica pecca, il gol del pareggio di Icardi incassato su contropiede nemmeno un minuto dopo aver segnato.

Nella ripresa c’è stato il forcing deciso dell’Inter che ha stretto l’Atalanta nella sua area di rigore, l’assetto dei milanesi è diventato sempre più a trazione interiore (dentro Alvarez per Cambiasso e Kovacic per Campagnaro), ma la loro azione in fase di rifinitura e la loro mira non è stata felice. I giocatori atalantini hanno così sofferto senza scomporsi e nel convulso finale hanno sfoderato maggiore praticità. Fino al trionfo.

Mercoledì sera a Bergamo sarà di nuovo campionato con una giornata infrasettimanale e al Comunale ci sarà di scena il Livorno, caduto sabato in trasferta contro il Torino. Obiettivo cinquina per continuare a sognare. Da valutare le condizioni di Moralez, costretto a dare forfait al 38’ pt per un infortunio.

Marco Sanfilippo

CRONACA

Atalanta in campo a San Siro contro l’Inter per la 10ª giornata del girone di ritorno. L’unico dubbio che c’era in casa bergamasca era relativo al ruolo di terzino destro (Benalouane squalificato) ed è stato sciolto in favore di Nica con Raimondi in panchina. Per il resto tutto confermato con Estigarribia ancora esterno destro di centrocampo. Modulo consueto, è il 4-4-1-1.

L’Atalanta è reduce da tre vittorie di fila e lo scorso anno fu protagonista di una grande impresa in trasferta contro l’Inter prevalendo per 4-3 (tripletta di Denis) dopo essere stata sotto per 3-1. Naturale che i tifosi nerazzurri sognino il bis. Tra l’altro l’Atalanta non perde contro l’Inter in assoluto dal 2010, l’anno del «triplete» dei milanesi: dopo tre pareggi e due affermazioni atalantine.

L’Inter è comunque in forma, è in serie positiva da sei giornate (quattro vittorie e due pareggi) e punta alla quarta posizione detenuta dalla Fiorentina (il ritardo è di un solo punto). I milanesi giocheranno nello schieramento tipo (3-5-2), c’è soltanto Juan Jesus squalificato. Attenzione all’attacco, formato da Palacio e Icardi, e ai piedi buoni del centrocampo, ovvero a Hernanes e Guarin.

Primo tempo

3’: Guarin ha la palla buona dal limite dell’area, ma la sua conclusione è imprecisa, sospiro di sollievo per Consigli.

5’: bordata di Guarin da fuori area, palla a sorvolare la traversa.

7’: Atalanta vicinissima al gol con Stendardo, il cui destro scoccato dall’interno dell’area è respinta con un grande intervento da Handanovic.

9’: diagonale rasoterra da sinistra di Palacio con parata a terra di Consigli.

13’: tentativo insidioso dal limite dell’area di Cigarini ma Handanovic ci mette ancora una pezza ribattendo.

18’: traversone da sinistra di Bonaventura e l’incornata di Denis colpisce la faccia superiore della traversa.

22’: ancora Guarin da lontano, Consigli para in due tempi.

22’: Guarin lancia sulla destra Icardi in posizione regolare, Palacio è solo a centro area, ma Icardi non è tempestivo, mentre Consigli lo è neutralizzando di piede il tardivo passaggio del giovane argentino verso il compagno di reparto.

33’: Bonaventura va al tiro da sinistra e la sua staffilata si perde non lontano dall’incrocio dei pali alla sinistra di Handanovic.

34’: ammonito Nica.

35’ GOOOOL: contropiede dell’Atalanta con Moralez che smarca a sinistra Bonaventura, il numero 10 si accentra evitando la blandissima marcatura di Jonathan e fulmina Handanovic con una precisa e violenta conclusione alla destra di Handanovic.

36’ GOL: Guarin lancia sulla sinistra Icardi che entra in area, dribbla Yepes e scaraventa un perentorio rasoterra sulla destra di Consigli.

38’: entra Brienza per l’infortunato Moralez.

45’: D’Ambrosio irrompe su un traversone da destra di Campagnaro e per poco non sorprende Consigli.

45’: 3’ di recupero.

48’: ammonito Cigarini.

48’: fine primo tempo, Inter-Atalanta 1-1.

Secondo tempo

1’: nessun cambio in avvio di ripresa.

5’: diagonale da destra di Jonathan, Consigli devia in corner.

6’: Jonathan smarca all’interno dell’area Guarin che tenta un improbabile pallonetto steccando clamorosamente.

7’: un tiro di Guarin è deviato provvidenzialmente in corner da Yepes.

8’: Guarin calcia da molto lontano centrando la faccia superiore della traversa.

14’: cross da destra di Jonathan, colpo di testa molto intelligente di Palacio e la palla s’infrange sul palo ala destra di Consigli.

16’: entra Alvarez per Cambiasso.

22’: punizione dalla trequarti sinistra di Hernanes respinta da Consigli.

26’: entra Nagatomo per D’Ambrosio.

30’: entra Raimondi per Nica.

31’: ammonito Stendardo.

32’: rasoterra a fil di palo di Hernanes sulla destra di Consigli.

37’: entra Kovacic per Campagnaro.

39’: punizione da destra di Guarin,

40’: entra Baselli per Cigarini.

42’: Baselli smarca in area da destra Brienza che calcia quasi a colpo sicuro, ma Jonathan respinge salvando i milanesi.

43’: doppia palla-gol clamorosa per l’Inter, Jonathan entra in area sulla destra e centra la traversa, sulla respinta palla a Icardi che da zero metri si fa deviare in corner il tiro da Raimondi, la palla colpisce anche il palo esterno.

45’ GOOOOL: punizione dalla trequarti destra di Brienza e colpo di testa di Bonaventura con la palla che passa sotto le gambe di Handanovic e carambola in rete.

45’: 3’ di recupero.

49’: Nagatomo ha la palla buona sulla sinistra in area ma passa invece di calciare e l’azione sfuma.

49’: fine partita, Inter-Atalanta 1-2.

© riproduzione riservata