Sabato 10 Maggio 2014

Milan, Seedorf non ci sta più

«Ci vuole un po’ di rispetto»

Clarence Seedorf, allenatore del Milan
(Foto by LUCA ZENNARO)

«Ci vuole un po’ di rispetto, non sono stupido e ho sempre parlato volentieri con i giornalisti. Capisco però se si sta cercando per forza la polemica». Così Clarence Seedorf ha risposto in conferenza stampa a una domanda sull'impiego di Mario Balotelli.

In una recente intervista Silvio Berlusconi aveva detto che al Milan «non sono ancora riusciti a convincere il giocatore sulla sua posizione in campo». «So che se rispondo in un certo modo - ha aggiunto - viene fuori che ho risposto a Berlusconi. Io non parlo per la società. Prendo seriamente il lavoro dei giornalisti, ma non voglio essere preso per i fondelli».

«Io non parlo più del presidente in conferenza stampa. Se mi vedete tranquillo scrivete che sono tranquillo. Chiedete a Berlusconi perché gli piace Montella». Così taglia corto Seedorf riguardo al gradimento del presidente del Milan per l'allenatore della Fiorentina. «Ha detto tante altre volte che gli piacevo io, in ogni caso è meglio cambiare argomento», ha aggiunto Seedorf

«I giocatori sono dei professionisti e sono abituati a certe cose. Non c'è alcuna preoccupazione, tutti si sono sempre impegnati al massimo», ha poi detto Seedorf sulla possibilità che le voci su un possibile avvicendamento in panchina possano turbare l'ambiente.

L'olandese ha poi rivolto un saluto a Javier Zanetti, in campo per l'ultima volta a San Siro: «è un amico e un grande professionista, oltre che una grande persona. Magari ce ne fossero altre come lui nel futuro del calcio. Penso darà tanto anche da dirigente».

© riproduzione riservata