Col trattore tampona auto: tre feriti  Il conducente colpito da un sasso
La vettura tamponata dal trattore l’altra sera a Cologno al Serio

Col trattore tampona auto: tre feriti

Il conducente colpito da un sasso

Forse il gruppetto voleva fare un furto nella sua abitazione: indagano i carabinieri. Il lunotto del mezzo agricolo sarebbe stato infranto con una pietra: medicato l’agricoltore.

Quando soccorritori e carabinieri hanno raggiunto, poco dopo le 21 di sabato sera, il luogo di un incidente alla periferia di Cologno, lungo l’ex statale Cremasca, hanno trovato una monovolume Chevrolet tamponata da un trattore, il lunotto del mezzo agricolo infranto e quattro persone ferite, tutte in modo lieve: le tre persone che erano sull’auto, due uomini e una donna di etnia rom, e l’agricoltore, che vive nelle vicinanze.

In realtà la dinamica dei fatti è risultata tutt’altro che chiara e i carabinieri di Urgnano, intervenuti per i rilievi con i colleghi di Treviglio, stanno cercando di vederci chiaro.

Tutto è cominciato per l’appunto poco dopo le 21, quando uno degli occupanti del monovolume sarebbe stato visto avvicinarsi in maniera sospetta proprio all’abitazione dell’agricoltore. Voleva forse mettere a segno un furto? È una delle ipotesi – per ora non confermata – attorno alle quali stanno lavorando anche i carabinieri. Fatto sta che, poco dopo, il proprietario dell’abitazione, al volante del suo trattore, ha tamponato la vettura sulla quale il rom visto prima a piedi e altri due conoscenti, un uomo e una donna, si stavano allontanando, pare proprio per via della presenza dell’agricoltore stesso.

Stando a quanto raccolto dai carabinieri, il lunotto non si sarebbe rotto nell’impatto con l’auto, bensì colpito da un sasso, tirato verso la cabina del trattore proprio da uno dei rom, nelle concitate fasi dei fatti. Anche questo dettaglio è comunque al vaglio dei carabinieri, che stanno lavorando per ricostruire la dinamica di una situazione tutt’altro che chiara.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 15 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA