Il 18 marzo il ricordo della pandemia: a Bergamo il presidente della Camera Roberto Fico

La Giornata Il ricordo delle vittime del Covid: venerdì 18 l’installazione al «Bosco della Memoria della Trucca», il libro «La memoria e il domani» alla Carrara e il concerto «Bergamo» in Cattedrale.

Il 18 marzo il ricordo della pandemia: a Bergamo il presidente della Camera Roberto Fico
Le vittime del Covid al cimitero monumentale di Bergamo

Venerdì 18 marzo Bergamo commemora le vittime dell’emergenza Covid che ha colpito duramente la città e il territorio provinciale, nella seconda Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di Coronavirus. Il programma della giornata, coordinato dal Comune e dalla Diocesi di Bergamo, è molto fitto e variegato e si dispiega in diversi luoghi della città di Bergamo. La partecipazione agli eventi del mattino, alla presenza del presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, è possibile solo su invito e con green pass obbligatorio. Ecco il programma in sintesi.

La cerimonia con il presidente della Camera

Alle 10.30, al cimitero monumentale di Bergamo (esterno Chiesa di Ognissanti) ci sarà la deposizione della corona di fiori alla lapide in memoria delle vittime di Covid-19 alla presenza del presidente della Camera dei Deputati e delle sole Autorità deponenti. Sarà l’occasione per fermarsi a osservare le foto della mostra «Primavera», un’esposizione di alcuni scorci della città che il fotografo Lorenzo Zelaschi ha scattato durante il lockdown, in contrapposizione a un’inedita documentazione fotografica, conservata negli archivi dell’Amministrazione comunale, che il personale del Cimitero monumentale ha realizzato a testimonianza di quei giorni dolorosi del 2020. Si ringraziano Oros e Moma Comunicazione.

La prima esecuzione di «Bergamo»

Alle 11 nella Cattedrale di Sant’Alessandro in Città Alta ci sarà la prima esecuzione assoluta di «Bergamo», il brano «Lumen Christi» scritto dal compositore Torsten Rasch e dedicato a Bergamo sempre alla presenza del Presidente della Camera dei Deputati. L’esecuzione è a cura del coro «Canticum Novum», gli Ottoni del Conservatorio Gaetano Donizetti di Bergamo, all’organo il maestro Simone Vebber, dirige il maestro Erina Gambarini. L’evento è in collaborazione con la Curia diocesana di Bergamo, il Conservatorio Gaetano Donizetti di Bergamo, l’associazione Canticum Novum. Si ringrazia Torsten Rasch, M° Erina Gambarini, M° Emanuele Beschi, M° Ermes Giussani, M° Simone Vebber, Bergamo Smart Cities & Community. Partecipazione solo su invito.

L’installazione al «Bosco della Memoria»

Alle 12 al «Bosco della Memoria» nel parco Martin Lutero alla Trucca ci sarà la cerimonia di commemorazione delle vittime dell’epidemia di Covid-19 alla presenza del presidente della Camera dei Deputati. In omaggio al ricordo e alla rinascita ci sarà lo svelamento dell’installazione «Indistinti Confini» del maestro Giuseppe Penone, opera donata alla Città dalla Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti onlus. Partecipazione solo su invito. Alle 15.30 nella chiesa di Ognissanti del cimitero monumentale di Bergamo verrà celebrata la Messa in memoria delle vittime Covid-19 celebrata da monsignor Davide Pelucchi, Vicario Generale della Diocesi di Bergamo. Ingresso libero.

Il libro «La memoria e il domani»

Alle 16.45 all’Accademia Carrara (Ala Vitali) ci sarà la presentazione del libro «La memoria e il domani» scritto dalla giornalista de «L’Eco di Bergamo», Fabiana Tinaglia, che raccoglie storie di uomini e di donne che hanno riflettuto sul loro futuro dopo il Covid. Un diario di racconti emersi in una serie di incontri nei Centri per Tutte le Età della città a cura del Comune di Bergamo - Assessorato alle Politiche sociali e in collaborazione con Consorzio Solco Città Aperta, Ribes Consorzio Sociale e con Centri per Tutte le Età, Humanitas Gavazzeni, Il Circolo dei narratori, Associazione Il Cerchio di Gesso. Per informazioni scrivere a: [email protected].

Il libro di Gigi Riva sulle vittime di Nembro

Alle 20.45 nella sala civica Cooperativa Città Alta in Vicolo S.Agata, Gigi Riva, giornalista e scrittore bergamasco presenta «Il più crudele dei mesi» il libro dedicato alle vittime della sua Nembro, raccontando le storie quotidiane di un dolore impossibile da immaginare fino a quando purtroppo non ci ha travolto tutti. Una testimonianza di quei giorni che sembravano non passare mai e che sono comunque ancora dentro di noi. Ingresso Libero. Per prenotazione: [email protected]

© RIPRODUZIONE RISERVATA