Importuna due donne pendolari  E in stazione disarma una guardia
Una guardia giurata è stata picchiata e disarmata in stazione

Importuna due donne pendolari

E in stazione disarma una guardia

Prima ha minacciato e preso a schiaffi una pendolare in attesa del treno all’alba di sabato. Poi ha malmenato pure una guardia giurata in servizio di controllo sulle banchine della stazione ferroviaria di Bergamo, riuscendo anche – nella concitazione – a disarmarla e a impossessarsi della sua pistola d’ordinanza.

L’arma è poi caduta a terra e l’aggressore – un extracomunitario – è riuscito a scappare. Ma, grazie all’intervento dei colleghi della guardia aggredita e dei carabinieri, l’uomo è stato bloccato poco lontano e denunciato a piede libero. L’episodio poco prima delle 5, ora in cui era già presente qualche passeggero – benché fosse sabato – in attesa del treno. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, il malintenzionato si è avvicinato a due donne che aspettavano il treno: le ha prima importunate e poi ha preso a schiaffi una delle due.

A quel punto le due donne si sono messe a gridare, richiamando l’attenzione di una guardia della Sicuritalia di Lecco, incaricata dalla Regione di presidiare la stazione proprio per contrastare gli episodi di microcriminalità. La guardia si è avvicinata e il malvivente ha sferrato pure a lui uno schiaffo: ne è nata una colluttazione, durante la quale il nordafricano è riuscito a sfilare la pistola dalla fondina della guardia giurata. L’arma è caduta a terra: altri due colleghi della guardia sono accorsi sul posto e il malvivente è riuscito a scappare, attraversando i binari e poi rifugiandosi nel sottopasso. Pochi istanti dopo è stato raggiunto e bloccato.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola l’8 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA