Masterclass di giornalismo con Coorious, l’intervista a Williams Padura Diaz

Il laboratorio di giornalismo Il giocatore dell’Agnelli Tipiesse Bergamo, ospite speciale, della masterclass de «L’Eco di Bergamo», di Edoomark e Patronato San Vincenzo.

Masterclass di giornalismo con Coorious, l’intervista a Williams Padura Diaz
Gli allievi della Masterclass di Coorious con Williams Padura Diaz

Williams Padura Diaz, opposto cubano classe 1986 dell’Agnelli Tipiesse Bergamo, società di pallavolo che milita nel campionato italiano A2, ha incontrato nella serata di mercoledì 25 maggio i ragazzi della Masterclass di Coorious, il laboratorio di giornalismo promosso da «L’Eco di Bergamo» con Patronato San Vincenzo ed Edoomark.

L’incontro è stato un’occasione, per gli aspiranti giornalisti, iscritti alla Masterclass di Coorious, di poter imparare a fare domande e condurre un’intervista. Cosa chiedere? Cosa è meglio non chiedere? Gli allievi sono stati divisi in tre gruppi e hanno vissuto tutto il procedimento che porta, dall’acquisizione delle informazioni riguardo il soggetto da intervistare, in questo caso il giocatore di pallavolo Williams Padura Diaz, fino all’intervista stessa, realizzata da un allievo per ogni gruppo dopo aver scelto le domande coi compagni. Tantissime domande di sport e vita privata. A guidare i ragazzi il vice caporedattore de «L’Eco di Bergamo», Bruno Bonassi e la coordinatrice della scuola di giornalismo Fiorella Carminati.

«Io l’ho vissuta da dietro le quinte. Ho lavorato più nella fase di ricerca delle informazioni e di scrittura delle domande. Indagare sulla biografia di una persona che proviene da un ambito diverso, e magari a te sconosciuto, è una sfida molto interessante» commenta Brian Arnoldi.

«Io l’ho vissuta da dietro le quinte. Ho lavorato più nella fase di ricerca delle informazioni e di scrittura delle domande. Indagare sulla biografia di una persona che proviene da un ambito diverso, e magari a te sconosciuto, è una sfida molto interessante» commenta Brian Arnoldi, uno degli allievi della Masterclass, che spiega: «Ti senti realizzato quando vedi che quello a cui avevi pensato, poi si rivela nei fatti. Quando organizzi le domande e il discorso segue proprio quella piega immaginata».

«È la prima volta che faccio un’esperienza di questo tipo» commenta Williams Padura Diaz, l’opposto in maglia numero 1 dell’Agnelli Tipiesse Bergamo, che prosegue: «È stato bellissimo farsi intervistare da ragazzi svegli, molto bravi. Sono riusciti ad entrare nel profondo. Poche volte sono stato intervistato in maniera così approfondita. È stata veramente una bellissima esperienza».

«È la prima volta che faccio un’esperienza di questo tipo» commenta Williams Padura Diaz, l’opposto in maglia numero 1 dell’Agnelli Tipiesse Bergamo, che prosegue: «È stato bellissimo farsi intervistare da ragazzi svegli, molto bravi. Sono riusciti ad entrare nel profondo. Poche volte sono stato intervistato in maniera così approfondita. È stata veramente una bellissima esperienza».

«Per me è stata un’esperienza importante dal punto di vista formativo ed emozionante dal punto di vista personale essendo tifosa della squadra» commenta Silvia Arnoldi di Coorious, che conclude: «È bellissimo provare direttamente sul campo quello che, nella teoria, puoi solo immaginare. In occasioni come queste impari a gestire la parte emotiva durante l’intervista per essere più professionale possibile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA