Mercatone Uno, c’è l’ok del Tribunale Verso lo sblocco della cassa integrazione
Una delle sedi Mercatone Uno

Mercatone Uno, c’è l’ok del Tribunale
Verso lo sblocco della cassa integrazione

Accolta l’istanza dei commissari del gruppo in amministrazione straordinaria. Intesa Sanpaolo pronta a sospendere le rate dei mutui fino a un anno per i lavoratori.

Il Tribunale di Bologna «ha comunicato oggi, venerdì 7 giugno, al ministero dello Sviluppo economico la disponibilità all’autorizzazione condizionata per l’approvazione del programma di cessione che verrà presentato dai commissari di Mercatone Uno. È il percorso propedeutico allo sblocco degli ammortizzatori sociali. Successivamente partirà la fase di reindustrializzazione per garantire un futuro certo ai lavoratori», ha reso noto il ministero dello Sviluppo economico in una nota. «È l’avvio del percorso che ci attendevamo – dice Terry Vavassori, segretaria Fisascat-Cisl di Bergamo. Si sta componendo piano piano il puzzle per ottenere quegli ammortizzatori sociali che proietteranno i lavoratori verso un passaggio futuro che noi auspichiamo sia di continuità».

Il Tribunale di Bologna ha accolto l’istanza dei commissari del gruppo in amministrazione straordinaria (Stefano Coen, Ermanno Sgaravato e Vincenzo Tassinari) e disposto la revoca dei provvedimenti di cessazione dell’esercizio dell’impresa, subordinandone l’efficacia al rilascio da parte del ministero dello Sviluppo economico della proroga del programma di liquidazione dell’azienda. Lo ricordano in una nota gli stessi commissari, spiegando che, «preso atto del provvedimento, presenteranno a breve l’istanza al ministero per concludere l’iter delineato dal Tribunale di Bologna per la retrocessione all’amministrazione straordinaria dei compendi aziendali e rendere così possibile l’accesso dei dipendenti agli ammortizzatori sociali previsti dalla legge. I commissari, inoltre, si riservano di illustrare nei tempi più rapidi le prossime attività previste dal programma».

L’INIZIATIVA DI INTESA SANPAOLO

Intanto, Intesa Sanpaolo, per supportare i dipendenti della società Mercatone Uno, ha deciso di dare la possibilità a coloro che tra i 1.800 lavoratori del gruppo imolese sono suoi clienti di sospendere le rate di mutui e prestiti personali per un periodo fino a 12 mesi. La domanda di sospensione andrà presentata dai dipendenti interessati presso la propria filiale Intesa Sanpaolo, che provvederà a valutarla. Per informazioni sulle caratteristiche e modalità di attivazione della misura, che si rivolge appunto a quelle situazioni di difficoltà che sono specificatamente derivanti dalla crisi aziendale Mercatone Uno, sono ovviamente a disposizione tutte le filiali del gruppo sul territorio. «Siamo vicini ai dipendenti della Mercatone Uno e alle loro famiglie che stanno vivendo un periodo difficile. Abbiamo riflettuto su quale tipo di intervento potevamo compiere per aiutare in modo concreto i lavoratori del gruppo e questo ci è sembrata allo stato attuale un gesto chiaro ed efficace – spiega Stefano Barrese, responsabile della divisione Banca dei territori di Intesa Sanpaolo –. Noi siamo una banca e possiamo solo fare la banca, ma con il compito essere vicini alle persone e alle comunità locali. L’attenzione alle dinamiche e alle esigenze sociali dei territori è per Intesa Sanpaolo uno dei capisaldi della propria mission e strategia aziendale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA