Riaperta la scaletta del Paradiso, 250 meravigliosi gradini per raggiungere Città Alta

È agli sgoccioli il cantiere che ha riqualificato uno dei più bei percorsi che collegano città bassa a Città Alta.

Riaperta la scaletta del Paradiso, 250 meravigliosi gradini per raggiungere Città Alta
Uno scorcio della scaletta Paradiso

È considerato uno dei percorsi più belli di collegamento pedonale tra Bergamo Bassa e Bergamo Alta. E questa bellezza giustifica, forse, anche il suo nome, Scaletta del Paradiso. È ormai in fase di conclusione il cantiere che il Comune di Bergamo ha avviato a fine 2020 per consentire la sua sistemazione, altro tassello del piano di manutenzione e riqualificazione dei percorsi pedonali tra Città Alta e i colli avviato dall’Amministrazione Gori 6 anni fa, prevedendo una specifica voce annua nel bilancio delle opere pubbliche.

«Ormai è agli sgoccioli il cantiere – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bergamo Marco Brembilla – per la sistemazione di un percorso molto amato dai nostri concittadini, nonché una riqualificazione molto attesa, viste le condizioni in cui versava la pavimentazione di gran parte della scaletta. Il percorso è già stato riaperto ed è percorribile».

I 145 metri della via, che collega via Riva Villa Santa a via Tre Armi, si presentavano particolarmente sconnessi e accidentati: molte erano le pietre saltate negli anni, la vegetazione si era insinuata tra le pietre, la cunetta di scolo si era rotta in più punti, buche e malformazioni della pavimentazione rendevano anche pericoloso – in alcuni tratti – l’accesso pedonale, tanto che un “ramo” della strada era già stato chiuso all’accesso alcuni mesi prima che il cantiere prendesse avvio.

Il Comune è intervenuto con un progetto particolarmente rispettoso della storia della scaletta e che ha previsto il rifacimento della pavimentazione, la predisposizione all’installazione dell’illuminazione pubblica (che sarà installata presto grazie al progetto di implementazione dei punti luce cittadini), la pulizia e la sistemazione dei parapetti e molto altro ancora.

Clicca qui per la relazione tecnica dell’intervento .

«Un lavoro particolarmente attento – prosegue Brembilla – quello che stiamo concludendo e che ci ha impegnato per molti mesi, con un investimento di 260mila euro circa a carico del Comune. Ovviamente non finiamo qui il piano di sistemazione dei percorsi pedonali del nostro sistema collinare: negli anni scorsi abbiamo messo a nuovo lo Scorlazzone, il vicolo san Carlo e via Monte Bastia, via Moratelli, portato l’illuminazione pubblica lungo la scaletta di Santa Lucia, vicolo Fontanabrolo, lo Scorlazzino e molto altro ancora. Si tratta di un grande patrimonio della nostra città, ne siamo consapevoli, e quest’anno ci sarà altro spazio per interventi di questo genere, lavorando per sistemare le scalette di via Cornasello e via Fontanabrolo, portando l’illuminazione pubblica al Pascolo dei Tedeschi, per esempio, nel tentativo di valorizzare tutti i percorsi di questo tipo sui nostri Colli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA