Tra i primi cinque panettoni d’Italia ce n’è uno «bergamasco»

Tra i primi cinque panettoni d’Italia ce n’è uno «bergamasco»

Il panettone della pasticceria orobica «Orangeria» creazione di Roberto De Martino si è classificato quinto nella prestigiosa competizione presieduta da Igino Massari.

Roberto De Martino della pasticceria bergamasca L’Orangeria si è aggiudicato il 5° posto della categoria tradizionale della nona edizione del concorso nazionale Panettone Day. Per lui e per gli altri finalisti, la possibilità di esporre il proprio lievitato nel temporary store nel quartiere Brera a Milano e nella food hall di Rinascente.

La finale del Panettone Day 2021, il concorso nazionale che celebra l’artigianalità della pasticceria italiana si è svolta martedì 14 settembre nella Sala Mengoni del Ristorante Cracco nella Galleria Vittorio Emanuele a Milano.

Ogni lievitato è stato degustato in totale anonimato, a garantire imparzialità, da una giuria composta dal Presidente di Giuria Iginio Massari, lo chef stellato Carlo Cracco, Marco Pedron, Head Pastry Chef del Ristorante Cracco, il Maestro Vittorio Santoro, Presidente e Direttore di Cast Alimenti ed il vincitore dell’edizione 2020 di Panettone Day, Gianluca Prete.

Il panettone di Roberto De Martino della pasticceria L’Orangeria a Bergamo ha ottenuto il 5° posto della categoria tradizionale tra i 25 finalisti in gara:

«Essere arrivato quinto per la categoria tradizionale al concorso Panettone Day ed essere premiato dal maestro Iginio Massari è un grande orgoglio, sono davvero entusiasta per questa vittoria.» racconta Roberto De Martino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA