Venerdì 06 Giugno 2014

Il libro? Si compra on line
Bergamo svetta: sesta in Italia

I libri? Si leggono sui tablet

Per il secondo anno consecutivo, la libreria online Amazon ha rilasciato le classifiche delle città italiane che hanno acquistato più libri: Bergamo si è posizionata sesta in tutta Italia, tre gradini più in alto rispetto al 2013.

Nell’ordine le città che leggono di più tramite Amazon sono: Milano, Trieste al secondo posto, poi Trento, Padova, Firenze, Bergamo, Bologna, Cagliari, Roma e Udine. Generalmente città del centro nord, ma di altre regioni. Brescia, città affine a Bergamo per dimensioni e collocamento geografico, è solo ventesima.


La classifica del colosso statunitense di vendite online è stata stilata prendendo in esame 48 città italiane di almeno 100mila abitanti e il rapporto pro capite dei libri acquistati dal primo giugno 2013 al 15 aprile 2014. Naturalmente è una classifica che riguarda solo Amazon che tuttavia ci racconta molto delle nostre abitudini di lettura. Bergamo è sesta nella «top-ten» totale, settima per l’acquisto di libri stampati e addirittura quinta per gli e-book. Per quanto riguarda i generi, Bergamo è settima nel prediligere i libri di cucina, business e benessere, ottava nei libri di viaggi, nona nella fantascienza. Curiosamente è solo ventesima nella classifica Amazon delle vendite di libri rosa.

Sorprendente l’elenco dei dieci libri più ordinati a Bergamo. Al primo posto «Per una cipolla di Tropea», giallo ambientato a Genova di Alessandro Defilippi, al secondo posto il thriller ambientato alla Casa Bianca «Il tempo della verità» di Glenn Cooper, al terzo posto «Inferno» del campione di vendite Dan Brown. È una classifica molto eterogenea, che mescola classici ottocenteschi a libri comici agli ultimi bestseller. Al quarto posto abbiamo «E l'eco rispose» di Hosseini Khaled (lo stesso autore de «Il cacciatore di aquiloni»), poi «Sei personaggi in cerca d’autore» di Pirandello. Al sesto posto «Lost in Italy (1): Chi l'ha detto che il past è simple?», che unisce comicità e didattica per imparare l’inglese. Al settimo «La verità sul caso Harry Quebert», il best seller della scorsa estate firmato Joël Dicker. Poi «Ti amo bastardo!» di Luciana Littizzetto e, a concludere in netto contrasto, due classici come «Emma» di Jane Austen e lo strappalacrime «Cuore» di Edmondo De Amicis.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 6 giugno

© riproduzione riservata