Martedì 08 Aprile 2014

Papa Giovanni XXIII e Bergamo

Dal 15 aprile un libro con L’Eco

Papa Giovanni XXIII

«Oh! la solitudine deliziosa di quella parte così caratteristica di Bergamo Alta, e le voci delle campane che veramente di lassù in tanta bellezza di natura danno riposo all’anima e la elevano verso il Signore! Io ho girato mezzo mondo: ma poche cose ho veduto che riempiano lo spirito di dolcezza e di pace come quel panorama dell’antica Bergamo». Queste parole nostalgiche figurano in una lettera redatta nel 1932 da Angelo Giuseppe Roncalli, allora delegato apostolico in Bulgaria.

L’amore del futuro pontefice per la sua terra natale è documentato anche nel volume «Papa Giovanni XXIII. Bergamo nel cuore», che sarà posto in vendita con «L’Eco di Bergamo» a partire da martedì 15 aprile, a 5,70 euro più il costo del giornale.

Le fotografie e i testi raccolti in queste pagine «ci consegnano un Santo familiare - scrive nell’introduzione il vescovo Francesco Beschi -: egli gode di intrattenersi con la sua gente, di far festa nelle parrocchie della nostra Diocesi, di partecipare alle manifestazioni religiose, di incontrare uomini e istituzioni di questo territorio».

Autore-curatore del libro è don Ezio Bolis, direttore della Fondazione Papa Giovanni XXIII, che ha promosso la pubblicazione in collaborazione con «L’Eco», in vista dell’ormai prossima canonizzazione di Roncalli: «Il materiale fotografico qui riprodotto – egli spiega – è in gran parte inedito, e proviene dal ricco fondo documentale riversato dal cardinale Loris Francesco Capovilla, già segretario particolare di Giovanni XXIII, nei nostri archivi. In questo volume, le immagini sono accompagnate da alcune parole di Papa Giovanni, tratte quasi interamente dalle sue agende, alle quali egli era solito affidare pensieri, emozioni, preghiere, ricordi».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo dell’8 aprile

© riproduzione riservata