Mahmood e Blanco trionfano al 72esimo Festival di Sanremo - Foto

Al secondo posto Elisa e al terzo Gianni Morandi..

Mahmood e Blanco trionfano al 72esimo Festival di Sanremo - Foto
Italian singers Blanco & Mahmoodon
(Foto di ETTORE FERRARI)

Segui qui le fasi salienti con le fotografie del Festival

01.45 : I vincitori del Festival di Sanremo sono Mahmood e Blanco, al secondo posto Elisa e al terzo posto Gianni Morandi.

Va a Fabrizio Moro il Premio «Sergio Bardotti» per il miglior testo (assegnato dalla Commissione Musicale del festival) per il brano Sei tu.

E’ andato a Elisa il Premio «Giancarlo Bigazzi» per la miglior composizione musicale, assegnato dall’Orchestra del Festival di Sanremo per il brano «O forse sei tu».

Gianni Morandi con il brano Apri Tutte le Porte, che porta la firma anche di Jovanotti e Riccardo Onori, ha conquistato il Premio Sala Stampa Lucio Dalla. Il cantante di Monghidoro ha conquistato il riconoscimento con 12 voti, battendo di misura Elisa (10) e la coppia Mahmood - Blanco (9). I voti ricevuti sono stati 52, tutti validi.

Massimo Ranieri - con la canzone «Lettera di là dal mare» - vince il Premio della Critica «Mia Martini». A lui, 27 voti dei giornalisti accreditati presso la Sala Stampa. Al secondo posto Giovanni Truppi con 15 voti, al terzo Elisa con 7. Voti ricevuti: 72. Voti validi: 65.

01.20 : Mahmood & Blanco, Gianni Morandi ed Elisa si sfidano per la vittoria finale al festival di Sanremo 2022.A decretare la canzone vincitrice tra le tre finaliste sarà il voto congiunto di televoto, demoscopica 1000 e sala stampa.

01.10 : Questa la classifica finale del festival di Sanremo 2022 dal quarto al 25/o posto: Irama, Sangiovanni, Emma, La Rappresentante di Lista, Massimo Ranieri, Dargen D’Amico, Michele Bravi, Matteo Romano, Fabrizio Moro, Aka 7even, Achille Lauro feat. Harlem Gospel Choir, Noemi, Ditonellapiaga e Rettore, Rkomi, Iva Zanicchi, Giovanni Truppi, Highsnob e Hu, Yuman, Le Vibrazioni, Giusy Ferreri, Ana Mena, Tananai.

01.05 : Torna sul palco Mengoni per la sua seconda esibizione.

01.04: Ora stop al televoto, poi la classifica dal 25 al quarto, poi si riapre il voto per i primi tre e infine la proclamazione della canzone vincitrice.

00.58 : L’ultimo brano in gara «Tantissimo» delle Vibrazioni

00.42 : Sul palco con la sua immancabile canotta, Truppi, stasera rossa, canta «Tuo padre, mia madre, Lucia»

C’è chi lo chiama ’il poeta in canottierà, e Giovanni Truppi sul palco di Sanremo spiega la scelta del look: «Io mi esibisco con la canotta da quando sono ragazzo, e perché cambiare adesso? Era molto importante però per me non mancare di rispetto all’Ariston, per questo mi sono fatto fare le canotte da un’artigiana».

00.39: Tananai con Sesso occasionale

00.32: Ana Men a con Duecentomila

00.20: Eterna Raffaella Carrà . L’Ariston si scatena e poi premia con la standing ovation un assaggio in anteprima mondiale del musical Ballo Ballo, tratto dal film Explota Explota. Sulle note di brani indimenticabili, Ballo Ballo, A far l’amore comincia tu, Rumore, Fiesta, riarrangiati ad hoc dal maestro Leonardo De Amicis, vanno in scena le coreografie firmate per l’occasione da Laccio - uno dei giovani direttori artistici e coreografi italiani più eclettici e poliedrici - con l’amichevole coordinamento artistico di Sergio Iapino, inquadrato in platea.

Un’ideale «apertura» del tour globale che, restrizioni permettendo, debutterà tra fine 2023 ed inizio 2024 e attraverserà i palcoscenici di tutto il mondo.

00.11: Achille Lauro sul palco con l’Harlem Gospel Choir

00.03: Human con «Ora e qui»

00.00 : Rovazzi e Orietta Berti, siparietto con la canzone «Parole, parole»

23.55 : Ditonellapiaga e Donatella Rettore con Chimica

2 3.51: Amadeus e Sabrina Ferilli ricordano Lucio Dalla a 10 anni dalla morte. Portano in scena i suoi segni distintivi il cappellino e gli occhialini tondi.

23.40 : Gianni Morandi , esegue il suo pezzo dal ritmo trascinante.

23.20 : È il momento di Mengoni , la sua esibizione è anticipata da un dialogo Filippo Scotti , il protagonista dell’ultimo film di Sorrentino «È stata la mano di Dio», i due stigmatizzano l’odio che si scatena sui social. Poi Mengoni canta «L’essenziale».

23.15 : Highsnob e Hu con «Abbi cura di te»

23.08 : Arrivano i primi in classifica provvisoria, Blanco e Mahmood con la loro «Brividi» . Entrano con due bmx rivetite di strasse

23.00 : Sul palco sale Emma, elegantissima in un vestito nero di pizzo e trasparenze

22.52 : Con « La Rappresentante di Lista» torna il rosa al Festival

22.45 : È il turno di Michele Bravi .

22.40 : Sul palco le «farfalle», le campionesse di ginnastica ritmica della Nazionale italiana, che sul brano «Upside down» di Diana Ross danno sfoggio della loro eleganza e armonia.

22.34 : Siamo a metà della serata, 11esimo cantante in gara, è Irama.

22.30 : È il turno di una delle favorite, Elisa, che indossa un elegante abito bianco con una scollatura vertiginosa.

22.10 : Sabrina Ferilli torna sul palco e fa sedere Amadeus sulle scale del palco dell’Ariston, non fa un vero e proprio monologo ma dialogando con lui affronta diversi temi, un ode alla leggerezza che, dice, non è superficialità.

«Non ho monologhi stasera», premette subito Sabrina Ferilli quando Amadeus le annuncia che è venuto il suo momento sul palco dell’Ariston. «Sono stati due anni molto duri, monologhi ce ne siamo fatti anche tanti, molti temi anche fra i più belli sono stati già toccati dalle mie bravissime colleghe. E allora - spiega l’attrice - mi sono messa a pensare che cosa avrei potuto dire».

«Ho pensato che avrei potuto parlare di famiglie, di donne che fanno tanto, hanno i figli, lavorano, educano, una roba articolata, ma io figli non ce li ho, sono un’attrice avviata, c’ho pure un marito benestante, perché devo andare sulle palle a loro», spiega Sabrina. «Avrei potuto parlare di uomini che hanno troppo potere ancora, decidono pe le donne, occupano tutti i livelli della gerarchia lavorativa: allora, ho pensato, chiedo se posso far fare un monologo agli uomini che comandano, non mi sembrava il caso». Altra ipotesi, «la bellezza, quella più profonda, quella interiore, delle imperfezioni fisiche, ma io sono quattro giorni che magno radici per entrare in questo vestito, non avrei avuto credibilità. La bellezza càpita, è vero, ma ce se lavora pure parecchio. Allora - continua - avrei potuto parlare di amori, quelli asfissianti, delle dipendenze amorose, mi sembrava interessante, ma poi ho pensato che Amadeus ha il profilo social di coppia, se non sono dipendenze quelle...

E pure Morandi senza Anna non riesce a postare niente su Instagram, quest’anno appena si è mosso da solo un altro pò lo squalificavano. Allora ho pensato a problemi più importanti, il femminismo, la body positivity, l’inclusione, ma io penso che per parlare di questi argomenti bisogna che lo faccia chi ci si sporca le mani, studia, conosce e da palcoscenici meno scintillanti di questo. Sono molto rispettosa delle competenze altrui. E invece sui social non c’è persona che non faccia un commento su qualsiasi cosa». Ci sono anche i temi come «il riscaldamento globale, la sovrappopolazione, la disparità salariale... ma perché la presenza mia deve per forza essere legata a un problema grosso, cosmico? Io sto qua per il mio lavoro, le mie scelte, la cosa migliore che mi poteva accompagnare su questo palco è la mia storia, credo che sia la cosa più bella che possa accompagnare le donne ovunque». «Non è che non sappia quante cose ci sono da cambiare, da aggiustare, ma io sto nella mia linea, ho scelto la strada della leggerezza. Come dice Calvino, in tempi così pesanti bisogna planare sulle cose con un cuore senza macigni, la leggerezza non è superficialità», conclude l’attrice, poi scherza con l’ad Rai Carlo Fuortes in platea e gli presenta Josè, il figlio di Amadeus, che l’ha suggerita al papà.

22.00: Dargen D’Amico è il nono cantante ad entrare in scena. Che ve lo dico a fare? Completo nero (maglietta argento) e occhiali da sole d’ordinanza.

21.57 : C’è Fabrizio Moro . Indovinate di che colore è il suo vestito? Nero, naturalmente... anche se un nero «sberluccicante» bisogna ammetterlo.

21.50 : La prima cantante a rompere la regola del nero è Noemi con un vestito lungo di scaglie d’argento.

21.38 : Sembra che i cantanti si siano messi tutti d’accordo, Massimo Ranieri in completo nero, revers brillantinato, però...

Standing ovation in teatro e l’applauso della sala stampa per Massimo Ranieri e la sua «Lettera di là dal mare». Dopo l’impeccabile interpretazione nella serata finale del Festival di Sanremo, prima di ringraziare l’orchestra e Amadeus, Ranieri ha raccolto l’ovazione del pubblico e, cedendo al gioco del Fantasanremo, ha urlato Papalina.

21.32 : Anche Aka7even non smentisce la regola del nero, ma almeno lo ravviva con una maglietta di brillantini

21.27 : Sembra un mantra, anche Iva Zanichi quarta cantante in gara ha un vestito lungo nero.

21.23 : È arrivato il momento di Sabrina Ferilli . «Ma come stai, come fai ancora a stare in vita? Non sei normale, fai ore e ore di maratone di 10-15 ore al giorno, Mentana ti fa un baffo, lo surclassi a sinistra». Abito lungo color cipria, Sabrina Ferilli entra in scena e scherza sulla ’resistenzà di Amadeus, gli sfila la giacca: «Dove ce le hai le pile? Secondo me quando va dietro le quinte va a ricaricarsi alla colonnina: è un presentatore ibrido».«Amadeus, sei un fenomeno, la forza tua ce l’hanno in tre: Iva Zanicchi, Gianni Morandi e Mattarella», dice l’attrice che poi scherza sul futuro: «Se tante volte non volessi più fare il festival, questa serata falla brutta brutta brutta, perché se tante volte questi della Rai non decidono chi ti può sostituire, ti chiedono di restare altri sette anni, lo vedi come funzionano le cose in Italia».

I primi tre cantanti sono saliti sul palco con vestiti completamente neri.

21.15 : Rkomi , anche lui in total black, canta «Insuperabile».

21.07 : Giusy Ferreri con un abito nero scollato interpreta la sua «Miele»

21.00 : Prima esecuzione quella di Matteo Romano con «Virale»

20.55 : Comincia la diretta con l’inno di Mameli suonato sul palco dalla banda della Guardia di Finanza.

20.40: Marco Mengoni al Tg1 : «Sono passati quasi dieci anni dalla vittoria: è strano ritrovarsi da più grandi con una maturità e consapevolezza diverse, affrontare questo palco è bello. Sono un ragazzo fortunato, molto». Queste le parole di Marco Mengoni, intervistato dal TG1 a poche ore dalla finale del Festival di Sanremo in cui sarà protagonista come ospite. «Staserà canterò «L’Essenziale» - rivela - e poi il singolo «Mi fiderò”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA