Giovedì 03 Gennaio 2013

Shakespeare al Donizetti
Arriva il Re Lear di Placido

Martedì 8 gennaio alle 20.30 va in scena il secondo titolo della Stagione di Prosa 2012/13 del Teatro Donizetti, lo shakespeariano Re Lear, nell'adattamento di Michele Placido e Monica Gungui. Protagonista sul palco lo stesso Placido, «ormai attore a tutto campo», come scrive Luigi Giuliano Ceccarelli, direttore artistico della stagione di prosa.

L'opera di Shakespeare è un'immensa metafora della condizione umana. All'inizio del dramma Lear rinuncia al suo ruolo, consegna il suo regno nelle mani delle figlie, si spoglia dell'essere re, pilastro e centro del mondo, per tornare uomo tra gli uomini. Ma questa scelta viola le regole che organizzano l'universo e questa scelta è alla base di tutta la storia del dramma.
Come un bambino pretende l'amore, Lear esige in cambio della cessione del suo potere, che le figlie espongano in parole i loro sentimenti per lui. Ma Cordelia, la più piccola, sa che l'amore, il vero amore non ha parole e alla richiesta del padre può rispondere solo: «Nulla, mio signore». È questo equivoco, questo confondere l'amore con le parole, che, nel momento in cui le altre figlie si mostreranno per quello che sono, farà crollare Lear rendendolo pazzo. E con Lear è il mondo intero che va fuor di sesto, la natura scatenata e innocente riprende il suo dominio, riporta gli uomini al loro stato primordiale, in balìa di freddo e pioggia a lottare per la propria sopravvivenza.

I biglietti dello spettacolo (da 11 a 30.80 euro) sono in vendita presso la biglietteria del Teatro Donizetti da lunedì a sabato dalle 13 alle 20 e nei giorni di spettacolo pomeridiano dalle 14 alle 15.30. per info tel. 035.4160601/602/603.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata