Lallio, due rapine alle Poste - Video  E allo spaccio dolciario colpo col botto

Lallio, due rapine alle Poste - Video

E allo spaccio dolciario colpo col botto

Mercoledì mattina in azione due uomini con la pistola. Sabato stesso autore che ha agito in sette discount. Alla Galbusera i malviventi hanno fatto esplodere la cassaforte. Il boato ha fatto tremare il palazzo nella notte.

Due rapine in quattro giorni all’ufficio postale di Lallio, lungo via Provinciale. Mercoledì mattina poco dopo le 11 due uomini, riconosciuti da una testimone come «bergamaschissimi» dall’accento, sono arrivati sul posto a bordo di una Vespa nera. Uno di loro era vestito con jeans e camicia azzurra ed era armato di pistola.

Posteggiato lo scooter, i due sono entrati nel locale e, dopo aver intimato a una donna in attesa al banco di non chiamare nessuno con il telefonino che aveva in mano, si sono fatti condurre da un’impiegata, spintonandola, fino alla cassaforte nel retro. Arraffati circa 500 euro, i due si sono dileguati. La rapina è la seconda subita dall’ufficio postale di Lallio nel giro di cinque giorni.

I due fatti non sarebbero collegati, ma pare che il rapinatore – anche lui italiano con accento bergamasco – di sabato sia lo stesso che negli ultimi tempi ha rapinato sette discount della provincia, da Alzano a Nembro passando per Scanzorosciate, Albano Sant’Alessandro e Bergamo.

Sempre nello stabile di via Provinciale, a pochi metri di distanza dalle Poste, nella notte fra sabato e domenica anche lo spaccio dolciario Galbusera è stato preso di mira dai ladri. All’1,05 la cassaforte dello spaccio, che dà verso il parcheggio, è stata fatta saltare quasi sicuramente con ossigeno e acetilene, due sostanze spesso usate nelle rapine in banca e facilmente reperibili in bombole. Il boato che ne è scaturito ha fatto tremare l’intero palazzo e svegliato tutti i condomini.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 6 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA