«Quei casoncelli per 20 americani. In 48 ore mi trovai chef in California»

«Quei casoncelli per 20 americani. In 48 ore mi trovai chef in California»

Da Clusone agli States, il passo è stato breve per Christian Fantoni, chef bergamasco classe 1973 che ha registrato un enorme successo oltreoceano. Una storia veramente originale quella di Christian che, una volta concluse le scuole medie, era intenzionato a diventare poliziotto.

«Purtroppo o per fortuna non sono riuscito a realizzare il mio primo sogno, quello di entrare in Polizia – ricorda con il sorriso Christian Fantoni da Chicago, dove lavora al “Rpm Italian Restaurant” –. Ero proprio convinto della scelta e pensavo che la mia strada lavorativa fosse tracciata, invece la vita mi stava riservando qualcosa di diverso».

I genitori di Christian lavoravano come guardiani al Palazzo Fogaccia di Clusone, dove da piccolo iniziò ad avvicinarsi a quella che sarebbe diventata la sua professione. «In quel periodo mia mamma era la cuoca privata del principe Giuseppe Giovanelli e lì ho avuto i primi contatti con chef veramente importanti. Tra i vari incontri, ho avuto la fortuna di conoscere il grande Sergio Mei che mi suggerì di provare un corso di cucina alla scuola alberghiera. A palazzo ho assistito a numerose feste e presentazioni da sogno, ricette uniche, sculture e torte raffinate, tutte cose stupende che mi spinsero a iscrivermi al centro di formazione professionale di Clusone».

© RIPRODUZIONE RISERVATA