Al «Marconi» 3 nuovi laboratori di chimica e fisica per formare i talenti di domani
Uno dei nuovi laboratori

Al «Marconi» 3 nuovi laboratori di chimica e fisica per formare i talenti di domani

Dalmine, obiettivo raggiunto dopo l’inizio dei lavori nel 2020 e una spesa di 250mila euro. Il preside: tappa fondamentale. La dirigente provinciale: bisogna amare queste discipline.

Gli onori di casa li hanno fatti loro: un centinaio di studenti delle diverse classi del biennio e del triennio del’Iti Marconi. Vestiti con camici bianchi e occhiali protettitivi hanno mostrato ad autorità, insegnanti e aziende venute per l’occasione, come andranno ad usare quegli spazi che oggi sanno di nuovo e quelle attrezzature che nei prossimi mesi diventeranno il loro pane quotidiano: dalle centrifughe, ai tester, dai lettori automatici di velocità a quelli di oscillazione. Sono stati inaugurati ufficialmente ieri pomeriggio all’Istituto tecnico dalminese tre nuovi laboratori: due di chimica e uno di fisica, attesi da tempo dalla scuola. L’istituto superiore di via Verdi vede gli iscritti da anni sempre in crescita: per il 2021-2022 il conteggio parla di 52 classi per circa 1.300 ragazzi. Dopo un primo ampliamento nel 2008, la scuola necessitava di nuovi spazi dedicati in particolare alle attività scientifiche di laboratorio a maggior ragione dopo che nel 2018 l’Istituto ha avviato l’indirizzo specialistico in chimica (con il vecchio laboratorio che faceva già fatica a contenere le 21 classi del biennio).

© RIPRODUZIONE RISERVATA