Dal sogno della Padania all’addio alla Lega Ecco chi era Franco Colleoni

Dal sogno della Padania all’addio alla Lega
Ecco chi era Franco Colleoni

Segretario dal 1999 al 2005, bossiano di ferro, Franco Colleoni è stato anche assessore in Provincia I rapporti difficili con Forza Italia nel centrodestra, poi l’uscita di scena e il voto alle elezioni del 2013 ai Cinque Stelle

«Padania libera». Fino a quando Franco Colleoni è rimasto nella Lega rispondeva così al telefono. Poi dopo le dimissioni dalla segreteria provinciale nel 2005 la sua strada e quella del movimento si sono divise e il Carroccio è rimasto solo il nome del suo ristorante di Brembo di Dalmine, dove ieri è stato trovato senza vita. Morto lo stesso giorno di Marco Formentini, primo (e finora solo) sindaco leghista di Milano: nel 1997 erano stati eletti insieme al Parlamento di Mantova, nelle lista dei «Democratici europei, lavoro padano».

Colleoni era un leghista duro e puro «un soldato sempre in prima fila per il movimento» lo ricorda Roberto Calderoli: «Ha iniziato a militare ad inizio anni ’90 con grande passione, prima a Dalmine, poi segretario di circoscrizione e dal 1995 assessore in Provincia». La Giunta di Giovanni Cappelluzzo che da un lato si era aperta in modo quasi rassicurante (per gli altri) alla società civile pescando a piene mani nelle associazioni, dall’altro cautelata con assessori di provata fede. Leghista, ovviamente: un monocolore che per 4 anni aveva mandato sotto qualsiasi tentativo di opposizione, pure trasversale.

d.nikpalj
Dino Nikpalj

Curioso di tutto ed esperto di niente. Classe 1968 (ohibò…), maturità tecnica e studi in Giurisprudenza, lavora a L’Eco di Bergamo dal novembre 1997. Vicecaporedattore dal 2014, è stato inviato e per tre anni ha guidato la redazione web. Scrive di cronaca, politica, trasporti e Atalanta, della quale è tifosissimo. Ha da sempre una passionaccia per il calcio inglese in tutte le sue forme e categorie, una spiccata simpatia per il Manchester City e una fornitissima biblioteca, anche di storie di calcio. Che prova a raccontare su Corner.

© RIPRODUZIONE RISERVATA