Coronavirus, sette casi al  Papa Giovanni Anche una famiglia dal Trentino
L’accesso del Pronto soccorso di Alzano sbarrato (Foto by Bedolis)

Coronavirus, sette casi al Papa Giovanni
Anche una famiglia dal Trentino

Da Nembro a Seriate: i casi bergamaschi. Dodici pagine di approfondimento su L’Eco di Bergamo in edicola lunedì 24 febbraio.

I numeri sono cresciuti, in 24 ore. Gli esperti se lo aspettavano, così come ci si aspettava anche l’aumento vertiginoso dei «tamponi» per i test ai casi sospetti. A domenica 24 febbraio, in tarda serata, erano 7 i ricoverati con esito positivo al test da coronavirus all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (che è l’unica struttura individuata come centro di riferimento provinciale dalla Regione Lombardia, avendo un reparto attrezzato di Malattie infettive per questo tipo di emergenze): quattro residenti nel territorio orobico e tre, ovvero una famiglia (padre, madre e figlio), trasferita da Trento dove è stata riscontrata la positività, ma residente a Soresina, in provincia di Cremona, quindi nell'area vicinissima al focolaio che si è sviluppato nel Lodigiano.

Per quanto riguarda i quattro bergamaschi, uno ha 84 anni, residente in città, in zona stadio, era già ricoverato nei giorni scorsi al Papa Giovanni XXIII per sintomi sospetti e patologie respiratorie: il responso positivo al test è arrivato domenica mattina ; pare non si escluda che il contagio dell’uomo possa essere in qualche modo riconducibile al «percorso» della trasmissione del virus fatto dall’iniziale focolaio nel Lodigiano.

Altri due pazienti sono invece arrivati al Papa Giovanni da Alzano lombardo, trasferiti domenica pomeriggio: si tratta di un cinquantaquattrenne residente a Nembro, che è arrivato domenica in ospedale con sintomi assimilabili a quelli del coronavirus e poi sottoposto al test che ha dato esito positivo. Dallo stesso ospedale è stato trasferito a Bergamo, sempre in condizioni di positività, un uomo di 84 anni di Villa di Serio che era in osservazione già da sabato
. L’uomo è morto nella notte tra domenica e lunedì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA