Manca il tappo al caffè d’asporto: bar chiuso per cinque giorni
Il bar del tifoso atalantino Roberto Gruber a Caltanissetta

Manca il tappo al caffè d’asporto: bar chiuso per cinque giorni

Cinque giorni di chiusura del bar e 280 euro di multa. Il motivo? Un caffè da asporto servito senza tappo in zona rossa. L’episodio nel bar nerazzurro a San Cataldo in provincia di Caltanissetta.

Cinque giorni di chiusura del bar e 280 euro di multa. Il motivo? Un caffè da asporto servito senza tappo in zona rossa. L’episodio è avvenuto nelle scorse settimane a San Cataldo, in provincia di Caltanissetta . E a raccontarlo indignato sui social è stato il 43enne Roberto Gruber, marito della titolare del «Bar Zio Nino», che da vent’anni vive in Sicilia, ma è originario di Scanzorosciate ed è tifosissimo dell’Atalanta (è cofondatore del gruppo Sicilia Atalantina). «Ora siamo in zona arancione – premette Gruber –, ma l’episodio è accaduto il 19 aprile, quando eravamo in zona rossa».

«Noi abbiamo sempre rispettato le norme, non abbiamo mai fatto entrare nessuno nel bar e abbiamo sempre evitato il formarsi di assembramenti. Quel giorno un cliente aveva ordinato un caffè e gliel’avevamo servito da asporto, ma senza tappo. Lui ha attraversato la strada ed è stato fermato dai carabinieri, che gli hanno chiesto se il caffè gli era stato servito con il tappo e alla sua risposta negativa ci hanno sanzionato». Nel verbale si legge che «la titolare serviva consumazioni non confezionandole con modalità d’asporto e tali da consentirne la consumazione nelle immediate vicinanze del bar agli avventori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA