Misure anti Covid, in Media Val Seriana scatta l’obbligo di mascherine all’aperto

Misure anti Covid, in Media Val Seriana scatta l’obbligo di mascherine all’aperto

Dall’8 dicembre fino al 15 gennaio 2022 a Ranica, Torre Boldone, Albino, Alzano Lombardo, Nembro, Pradalunga e Villa di Serio.

Ranica e Torre Boldone impongono l’obbligo, sul proprio territorio comunale, di utilizzo all’aperto dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie. Una sorta di anticipo della zona gialla. La misura, scattata oggi sarà in vigore fino a sabato 15 gennaio 2022. E non riguarda solo i due paesi dell’hinterland: l’hanno adottata anche i vicini comuni di Albino, Alzano Lombardo, Nembro, Pradalunga e Villa di Serio. «In considerazione delle criticità di questo periodo e dell’andamento crescente dei contagi nella Bergamasca, noi sindaci della Bassa Valle Seriana abbiamo deciso di emanare un’ordinanza sindacale per istituire l’obbligo di mascherina all’aperto - ha spiegato Luca Macario, primo cittadino di Torre Boldone -. È una proposta del collega di Nembro, condivisa da noi sindaci dell’area, al fine di dare un messaggio comune: desideriamo che i nostri cittadini ricevano indicazioni omogenee su tutto il territorio della Bassa Valle Seriana, senza confusione. E per tanto adottiamo questa misura contemporaneamente».

L’ordinanza urgente prevede, in tutti gli spazi pubblici o aperti al pubblico dei paesi (in particolare nei centri storici, lungo gli assi principali e nelle vie ad essi collegate, sulle aree di mercato, alle fermate del trasporto pubblico e sui sagrati delle chiese), l’obbligo di indossare nei luoghi all’aperto i dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherine, ndr) anche quando è possibile il distanziamento interpersonale e non si configurano assembramenti di persone. Inoltre viene ordinato ai competenti organi di controllo di vigilare circa il rispetto dell’ordinanza, la cui inosservanza comporterà l’applicazione della corrispondente sanzione amministrativa pecuniaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA