Impiantisti e posatori, caccia agli apprendisti

Effetto del boom dei lavori legati alla casa. «Mestiere meno pesante ma più tecnico». Il nodo salario.

Impiantisti e posatori, caccia agli apprendisti

AAA Idraulici, parquettisti, posatori, impiantisti, cercansi. Quello che sembra un annuncio è il reale problema con cui si stanno misurando anche le imprese artigiane orobiche in questo momento: la difficoltà di reperire manodopera. Chi ha esperienza è oberato di lavoro, mentre gli apprendisti sono merce sempre più rara. I ragazzi che escono dalle scuole non sono sufficienti a coprire le richieste delle imprese, alle porte delle ditte non c’è traccia di code di chi cerca lavoro. La situazione è seria, conferma Confartigianato Bergamo: «Ci sono alcune figure professionali che mancano sistematicamente, in particolare saldatori, sistemisti, frigoristi. Ma negli ultimi due mesi le richieste riguardano il settore edile e l’area casa». Una «fame» di manodopera legata, in questo caso, al buono stato di salute del settore grazie anche agli incentivi per la riqualificazione e l’efficientamento energetico. Ma l’edilizia e in generale le attività legate alla casa non sono i soli settori che evidenziano la carenza di figure professionali ad hoc. «Sono estremamente richiesti - fanno sapere da Confartigianato - anche operai specializzati nell’ambito metalmeccanico e nei settori chimico, della gomma e delle materie plastiche».

© RIPRODUZIONE RISERVATA