Verso il rinvio al 23 maggio per il 730 precompilato

La scadenza In prima battuta prevista per il 30 aprile: è necessario comunicare i dati del datore di lavoro, del coniuge e dei familiari a carico.

Verso il rinvio al 23 maggio per il 730 precompilato

Un emendamento al decreto Sostegni ter farà slittare dal 30 aprile al 23 maggio prossimo la disponibilità del modello 730 precompilato 2022. Tra i motivi dello spostamento di data, anche quello riguardante la proroga al 7 aprile dei termini per la comunicazione all’anagrafe tributaria, sempre ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata 2022, dei dati relativi agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali relativi all’anno 2021. È bene ricordare il tema delle dichiarazioni precompilate. L’Agenzia del fisco mette on line a disposizione dei contribuenti le dichiarazioni dei redditi precompilate riguardanti il modello 730 e quello dei Redditi persone fisiche, con diversi dati già inseriti: dalle spese sanitarie a quelle universitarie; dalle spese funebri ai premi assicurativi, dai contributi previdenziali ai bonifici per interventi di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica, e altro ancora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA