Antisemiti, se cresce la miccia dell’odio

Non è una novità, ma a preoccupare è la crescita. Già nella primavera 2019, prima della pandemia, l’Osservatorio italiano dei diritti rilevava un’Italia sempre più incattivita, in cui l’odio contro i migranti era salito del 15,1% rispetto al 2018: sul totale dei messaggi via Twitter che avevano per oggetto gli stranieri, quelli di odio erano il 66,7%. Ma il rapporto segnalava con preoccupazione un irrobustirsi anche dell’antisemitismo. Nel 2019 è aumentato del 6,4%: su un totale di 19.952 tweet relativi agli ebrei, quasi 15.200 avevano

Antisemiti, se cresce la miccia dell’odio
Liliana Segre a Milano con due uomini della scorta: riceve 200 messaggi d’odio al giorno
(Foto di Ansa)

un contenuto molto negativo. Secondo un recente studio dell’Eurispes, il 15,6% degli italiani crede che l’Olocausto non sia mai esistito e il 23,9% che gli ebrei controllerebbero il potere economico e finanziario. La tesi trova accordo, in percentuale superiore alla media, tra gli intervistati di centrodestra (33,3%) e di destra (31%), meno tra quelli di centro (7,7%) e di sinistra (17,2%). Un quadro inquietante, anche se ristretto a una minoranza che non conosce la storia e vive al di fuori della realtà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA