L’economia non aspetta: è ora di agire con grinta

Nella sua prima intervista da premier, rilasciata a Pasqua al direttore del Corriere Fontana, Mario Draghi ha scelto la retorica del bicchiere mezzo pieno. Il senso complessivo è l’esortazione agli alleati di governo di valorizzare i buoni risultati anziché discuterli continuamente.

L’economia non aspetta: è ora di agire con grinta
Il presidente del Consiglio, Mario Draghi

Sarà anche scontato che un capo di Governo debba spargere serenità, ma forse è troppo poco. Siamo in un anno preelettorale (anzi a giugno c’è chi, come i 5S, si gioca già l’esistenza) e nessun partito può limitarsi a elogiare la bellezza dello stare insieme, per di più mentre si va verso una accentuazione della proporzionalità nelle regole. L’abilità dei vari partiti, che in questo ne sanno più dell’ex presidente Bce, sta tutta nel trovare un punto di equilibrio tra la propria visibilità e l’ineluttabilità del tutti insieme poco appassionatamente. Giudichino poi gli elettori su certe ipocrisie, visto che tutti concordano sul fatto che sarebbe demenziale far cadere il governo con l’emergenza sanitaria ancora non chiusa e la tragedia della guerra in Europa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA