Magistrati, se parlano
soltanto le sentenze

I tentativi di riformare il processo penale in Italia hanno sempre scatenato una ridda di polemiche. A questo clima non si sono sottratte le novità introdotte dal ministro della Giustizia Marta Cartabia. Forse è inevitabile - ma non le violenze verbali - trattandosi di materia delicata. Comunque la si pensi, lo status quo però è inaccettabile: nel nostro Paese i procedimenti durano il quadruplo rispetto a quanto accade in Inghilterra, il triplo della Germania e il doppio della Spagna. È civile uno Stato che tiene sotto processo una persona per 15 anni, poi magari risultando non colpevole?

Magistrati, se parlano soltanto le sentenze

Svettiamo tra gli Stati che hanno aderito alla Cedu, la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, per numero di condanne ricevute per irragionevole durata degli iter giudiziari: 1.202 dal 1959. Superiamo la Turchia (608), la Francia (284) e la Germania (102). Siamo un popolo di esterofili, ma non su questo tema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA