Peregrinatio e pietà popolare

Peregrinatio
e pietà popolare

Un anno fa, il 24 maggio 2018, aveva inizio la peregrinatio dell’urna con le spoglie mortali del santo Papa Giovanni XXIII nella diocesi di Bergamo. Un’esperienza che ha visto la partecipazione di un numero considerevole di pellegrini, ben più ampia di ogni previsione. Tanto si è detto e scritto sull’iniziativa; ma non ci risulta sia seguita una verifica puntuale; perciò sembra saggio ritornarvi un istante e cercare qualche utile spunto di riflessione per un cammino spirituale ordinario.

Una prima considerazione tocca la figura stessa di Papa Giovanni. Egli è giunto progressivamente alla santità dentro un contesto fortemente segnato da varie forme della devozione popolare: il culto eucaristico e quello al Sacro Cuore, la venerazione della Vergine Maria, la preghiera del Rosario, i pellegrinaggi ai santuari, le feste patronali, le processioni, la Via Crucis… Attraverso le forme della pietà popolare, ha maturato una fede genuina, ha sviluppato un profondo senso di Dio e della sua Provvidenza, ha vissuto e proposto una spiritualità capace di inscriversi nell’esperienza del corpo, attraverso gesti semplici come camminare, sostare, toccare, inginocchiarsi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA