Preoccupa l’aumento di candidati sindaci unici

Preoccupa l’aumento
di candidati sindaci unici

I giochi sono fatti: a mezzogiorno di ieri, nei 38 Comuni bergamaschi che il 3 e 4 ottobre sono chiamati a scegliere sindaci e consiglieri comunali, è terminata
la presentazione delle candidature. Il «puzzle» di volti e simboli che nel prossimo mese animeranno la campagna elettorale è composito, ma una tendenza emerge già chiara: l’esplosione - accentuata con tutta probabilità anche dai problemi legati al Covid - dei Comuni «monolista», in cui a farsi avanti è un solo candidato sindaco. Quest’anno se ne contano una dozzina, più del doppio rispetto a cinque anni fa, quando erano cinque. E ancora più impietoso è il confronto con il 2011, quando erano soltanto due.

Le ricadute sulle elezioni nei paesi coinvolti sono molto pratiche: affinché il voto sia valido – e per evitare dunque l’arrivo del commissario prefettizio – bisogna confrontarsi col quorum. Sfida che non di rado preoccupa i candidati, visto che la mancanza di competizione tra avversari rischia di far perdere «appeal» all’appuntamento elettorale.

Anche se in Bergamasca, va detto, nella maggior parte dei casi in passato la sfida del quorum è stata vinta, e quest’anno, per far fronte alle difficoltà legate alla pandemia, la soglia di votanti necessaria è stata anche abbassata. Ma pure lasciandosi alle spalle lo scoglio dell’affluenza, quel che poi ci si troverà di fronte saranno Comuni retti per i prossimi cinque anni da un unico gruppo, senza il pungolo della minoranza. Uno scenario che oggi è già realtà in una cinquantina di paesi orobici (su 242), e che con il voto di ottobre è destinato a diventare ancora più diffuso, finendo per riguardare più di un’amministrazione su quattro. Si può anche immaginare che per i sindaci e assessori questo non sia il più grave dei problemi: si governa comunque, col supporto del proprio gruppo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA