Se l’Ue dimentica i valori fondanti

Europa. Il Trattato di Lisbona firmato il 13 dicembre 2007 da tutti i Paesi della Comunità europea, entrato in vigore nel dicembre 2009, fissava valori e obiettivi che dovevano essere alla base del progetto europeo. Tra i valori, l’articolo 2 evidenziava «la dignità umana è inviolabile. Deve essere rispettata e tutelata e costituisce la base stessa dei diritti fondamentali».

Se l’Ue dimentica i valori fondanti
Migranti sulla nave ong Ocean Viking, «rimbalzata» dall’Italia alla Francia
(Foto di Ansa)

Tra i diritti, l’articolo 3 del Trattato indicava «offrire libertà, sicurezza e giustizia senza frontiere interne, adottando al contempo misure adeguate alle frontiere esterne per regolamentare l’asilo e l’immigrazione e pervenire e combattere la criminalità». L’aver compiuto questo passo importante, in uno scenario mondiale segnato ovunque da guerre, ingiustizie, miseria e oppressioni, portò l’Europa a vincere nel 2012 il premio Nobel per la Pace, con la seguente motivazione: «Aver contribuito alla pace, alla riconciliazione, alla democrazia e ai diritti umani in Europa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA