Bar e ristoranti: il lockdown preoccupa
«Più rischi negli spazi senza controllo»

Le zone rosse dell’aggregazione più selvaggia lontane dai bar: la movida nei locali in centro a Bergamo è piuttosto popolata ma distanziata. I gestori: salute prima di tutto, ma le spese restano. Noi preoccupati per i posti di lavoro.

Bar e ristoranti: il lockdown preoccupa     «Più rischi negli spazi senza controllo»
Nei locali in centro aperitivo seduti e distanziati
(Foto di Colleoni)

La movida s’è seduta al tavolino, rispettosamente ordinata. Popolata, ma distanziata. Prudente, comunque non cupa. Il sabato del centro città all’ora dell’aperitivo restituisce la fotografia di una Bergamo frequentata, dove il timore per i contagi scorre carsico ma comunque deciso, e tendenzialmente rigorosa nell’osservare le regole. Nei locali più che nelle «zone rosse» dell’aggregazione più selvaggia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA