Diffamò l’ex ministra Kyenge, annullate le condanne a Calderoli. La Cassazione rinvia gli atti a Bergamo per legittimo impedimento

Sono state annullate dalla Cassazione - per il mancato riconoscimento del legittimo impedimento dell’imputato a comparire in udienza per motivi di salute - le condanne di primo e secondo grado nei confronti del vicepresidente del Senato Roberto Calderoli, accusato di diffamazione aggravata dall’odio razziale.

Diffamò l’ex ministra Kyenge, annullate le condanne a Calderoli. La Cassazione rinvia gli atti a Bergamo per legittimo impedimento
La stretta di mano tra Calderoli e Cecile Kyenge nel luglio del 2013

Il politico bergamasco aveva definito «orango» l’ex ministra dell’Integrazione Cecile Kyenge il 13 luglio del 2013, durante la festa della Lega Nord a Treviglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA