Omicron 2 dilagante, ma ricoveri crollati rispetto a un anno fa: i dati

Il confronto L’incidenza odierna nettamente superiore. Rianimazioni lombarde, 47 i pazienti: 12 mesi fa 836. Buzzetti: «Effetto vaccini e variante meno violenta».

Omicron 2 dilagante, ma ricoveri crollati rispetto a un anno fa: i dati

Non se ne va, questo virus. Anzi continua a crescere, con valori importanti, descrivendo però anche una tendenza di «ciclicità». Perché il Covid è esploso in tutta la sua forza per la prima volta a marzo 2020, poi a marzo 2021 ha mostrato il picco della terza ondata, e ora – sul finire di marzo 2022 – innesca una sorta di quinta ondata. Che è però in qualche modo inedita, e sicuramente non comparabile col passato. Se la prima ondata resta senza paragoni, il confronto più plausibile si può comunque abbozzare appunto rispetto a un anno fa: ne esce uno scenario di contagi ben più alti, quasi doppi, per via della diffusività senza precedenti di Omicron 2, ma di un carico sanitario decisamente più basso, ridotto a un decimo grazie al vaccino e alla minor patogenicità del virus attuale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA