Frana ad Ardesio, iniziano i lavori Giovedì si decide quando riaprirà la strada
Il traffico di domenica 10 marzo sulla Bani-Novazza

Frana ad Ardesio, iniziano i lavori
Giovedì si decide quando riaprirà la strada

Diversi gli interventi che dovranno essere eseguiti: dalla rimozione del materiale franato al ripristino della carreggiata danneggiata dalla frana, fino alla messa in sicurezza del versante di monte.

Iniziano lunedì mattina i lavori nell’area in cui è scesa sabato 9 marzo la grossa frana, lungo la provinciale 49 nelle vicinanze del Ponte delle Seghe in territorio di Ardesio, predisposti con somma urgenza dalla Provincia.

Diversi gli interventi che dovranno essere eseguiti: dalla rimozione del materiale franato al ripristino della carreggiata danneggiata dalla frana, fino alla messa in sicurezza del versante di monte. Una delle operazioni più delicate riguarda proprio quella di capire se vi sia la possibilità di ulteriori distacchi di materiale e se sia il caso provvedere al disgaggio delle porzioni pericolanti.

Lo smottamento, verificatosi intorno alle 4,30 circa di sabato ha scaricato lungo la provinciale circa 100 metri cubi di parete rocciosa, con una grosso masso che si è addirittura riversato nel fiume Serio sottostante. Ed è andata ancora bene, come hanno pensato in molti: se in quel momento qualcuno fosse passato lungo la provinciale 49, solo un miracolo avrebbe potuto impedire che la frana si trasformasse in una tragedia.

Giovedì è programmata una riunione in municipio ad Ardesio alle 10: ci saranno i sindaci dei cinque Comuni, i rappresentanti della Provincia, della prefettura, delle forze dell’ordine e della Protezione civile. Le prime previsioni hanno stimato che la strada resterà chiusa per circa una quindicina di giorni, ma solo dopo il summit di giovedì si potrà avere un quadro più chiaro della situazione.

La deviazione sulla strada di Bani-Novazza sta causando disagi alla viabilità: domenica si sono formate lunghe code per tutto il pomeriggio.


Approfondisci di più l’argomento con due pagine acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo dell’11 marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA