«Col pianoforte amore a prima vista»
Claudio Angeleri , una vita in musica

«Ho capito subito, fin da bambino, a 5-6 anni, che la musica era il mio futuro: con il pianoforte è stato amore a primo vista». Claudio Angeleri parla di Bergamo e di musica. Dalla laurea in Architettura, all’insegnamento, fino all’idea di aprire il Centro didattico Produzione Musica. Con una prima passione da cui è nato tutto: «Il jazz». Da qui la nascita del Cdpm: «A Bergamo non c’erano strutture adeguate per accostarsi alla musica a 360 gradi e ho conosciuto tanti musicisti, anche nei miei viaggi negli Stati Uniti, che mi hanno permesso di creare una scuola che vuole essere eccellenza della musica». Lui che suona, ogni giorno, e che ricorda i tanti palcoscenici della sua vita: «Molti hanno segnato la mia carriera, ma l’emozione più grande l’ho vissuta al Donizetti, perchè è il teatro della mia città e io amo Bergamo». E se si parla di musica... «Se dovessi scegliere una musica da suonare, suonerei la mia, perchè nel jazz è importante anche comporre». E lui compone moltissimo: «Per me è come aprire un rubinetto». Anche perchè per Claudio Angeleri è un «bisogno fisico» suonare il pianoforte, «è un incontro con un compagno di vita». Cosa farà da grande? «Quello che faccio ora mi piace e mi diverte molto. Mi piacerebbe dare ancora più spazio ai giovani, il più possibile».E poi un desiderio: «Come io ricordo con affetto e riconoscenza il mio maestro Sala, mi piacerebbe che qualche mio alunno si ricordasse di me, per l’entusiasmo che spero di trasmettere, ogni giorno, con la musica».

Redazione Web

Altri articoli
Guarda gli altri video