• Martedì 17 Novembre 2020
  • (0)

Le dichiarazioni di Giorgio Portera

«Non parlo di serial killer - ha detto Portera a margine del processo -. La compatibilità è forte, l’identificazione di Ignoto 1 è abbastanza chiara: i due casi sono vicini non solo dal punto di vista del Dna ma anche nella dinamica - continua Portera -. Ci sono i presupposti per capire le compatibilità e per risolvere i casi».

Redazione

Guarda gli altri video