• Domenica 13 Settembre 2020
  • (0)

Premolo, il gonfalone comunale sull'altare di San Defendente

Nel pieno della pandemia, il gonfalone del Comune di Premolo è stato portato nella chiesa parrocchiale di Sant'Andrea sull'altare di San Defendente, compatrono del paese dell'Alta Val Seriana festeggiato sin dal 1630 quando gli abitanti a lui si affidarono chiedendo protezione dalla piaga della peste. Gonfalone che rimarrà in chiesa sino al termine della pandemia, non per scaramanzia o come rito magico, ma ancora una volta come segno di affidamento della comunità a San Defendente e a don Antonio Seghezzi. Il ritorno del gonfalone nella sala consiliare del Comune rappresenterà quindi la vittoria sulla malattia. Con l'arrivo della preziosa reliquia del cranio di San Defendente, a settembre a Premolo si fa festa per ricordare la protezione accordata al paese. E così è stato anche stavolta, pur senza processione e senza il tradizionale taglio della spada, ma con una Messa cui hanno partecipato volontari e associazioni che hanno dato il loro supporto durante i periodi più difficili dell'emergenza. Il servizio di Elisa Cucchi per Bergamo Tv con l'intervista al sindaco Omar Seghezzi.

None

Guarda gli altri video