Martedì 19 Luglio 2011

I fondi al nuovo ospedale
L'IdV pronta ad azioni legali

Se Regione Lombardia non farà chiarezza sulla destinazione degli ulteriori 85 milioni di euro che il Pirellone si appresta a finanziare agli Ospedali Riuniti di Bergamo per consentire il completamento del nuovo ospedale, l'Italia dei Valori è pronta a prendere in esame una possibile azione legale.

Nella conferenza stampa che il consigliere regionale dell'Italia dei Valori, Gabriele Sola, ha tenuto con l'avvocato Rocco Gargano, dell'associazione Micromega Bergamo, si è infatti ventilata l'ipotesi che il nuovo finanziamento serva per rimediare ad una serie di interventi non perfettamente riusciti da parte dell'impresa costrutrice piuttosto che a pagare opere di completamento (ad esempio l'ormai famosa trincea) o penali non dovute, stando almeno alle risposte ufficiali.

Nella risposta ad un'interrogazione scritta che l'Italia dei Valori aveva presentato l'11 aprile scorso, la Regione aveva infatti affermato «che l'ammontare degli eventuali danni subiti dalla nuova struttura - in relazione agli alagamenti del piano zero -risulta ad oggi non definito e ritiene che i relativi oneri non dovranno gravare sul quadro tecnico economico dell'opera. L'Ilspa - scriveva ancora la Regione - riferisce che ogni onere economico derivante dalla problematica in oggetto non potrà in alcun modo ricadere sui soggetti pubblici coinvolti nella realizzazione delle opere del Nuovo Ospedale».

Tra l'altro, è stato osservato in conferenza stampa, resta da chiarire a quanto ammonta realmente il nuovo finanziamento, visto che il direttore generale della Sanità Lombarda, Carlo Lucchina, in Commissione avrebbe parlato di 60 milioni - c'è un audio che lo confermerebbe - mentre a L'Eco di Bergamo ha detto che i milioni sono 85.

Inoltre nell'articolo 8 della «proposta di legge per l'assestamento al bilancio per l'esercizo finanziaro 2011 e al bilancio pluriennale 2011/2013 a legislazione vigente e programmatico» - che la Regione dovrebbe approvare il prossimo martedì - non c'è alcuna specifica nè dell'ammontare destinato ai Riuniti nè del perchè; solo rispondendo a una domanda, Lucchina avrebbe indicato che a beneficiarne sarebbero stati i Riuniti e il San Gerardo di Monza.

Se i Riuniti pagassero opere non dovute, Italia dei Valori sarebbe pronta ad adire un'azione legale anche nei confronti del direttore generale dei Riuniti.

Leggi di più su L'Eco in edicola mercoledì 20 luglio

a.ceresoli

© riproduzione riservata