Domenica 02 Ottobre 2011

In manette due baby rapinatori
Aggrediti cinque coetanei a Orio

Hanno rapinato cinque ragazzi, prendendoli a schiaffi e facendosi consegnare portafogli e cellulari. Poi sono scappati all'Oriocenter e hanno rubato una felpa. Alla fine i due studenti marocchini, uno di 15 e l'altro di 16 anni, residenti a Costa di Mezzate e Montello, sono stati arrestati e affidati alle rispettive famiglie, una misura prevista nel caso di minorenni incensurati.

Il pomeriggio di scorribande dei due baby rapinatori è cominciato sabato 1 ottobre alle 17 a Orio al Serio, tra l'aeroporto e la discesa che porta al sottopasso verso l'Oriocenter. I due nordafricani sono stati accorti nel posizionarsi fuori dall'occhio delle telecamere che sorvegliano tutto il sottopasso.

Non appena i due gruppetti di ragazzi - tutti tra i 15 e i 16 anni, residenti a Bergamo e Comun Nuovo - si sono avvicinati al sottopasso per andare al centro commerciale, li hanno circondati e aggrediti. Schiaffi, spinte e minacce per prendersi i cellulari e i portafogli, oltre agli spiccioli che avevano in tasca. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito in modo grave, ma lo choc è stato fortissimo.

I due marocchini, arraffato il bottino (circa un migliaio di euro in tutto), sono fuggiti verso Oriocenter, seguiti dai cinque rapinati che si sono subito diretti al «box control», la postazione in cui si trovano le guardie giurate. I due marocchini sono stati rintracciati e fermati: addosso avevano una felpa che è risultata rubata poco prima nel negozio H&M.

I due baby delinquenti, messi di fronte all'evidenza e alle testimonianze degli aggrediti, non hanno potuto fare altro che ammettere. I carabinieri hanno così chiamato i loro genitori.

Leggi di più su L'Eco di domenica 2 ottobre

m.sanfilippo

© riproduzione riservata